Polemica per il marchio S.P.Q.R. Raggi: «Non sanno come farci perder tempo» – FOTO

keita roma-lazio derby
© foto www.imagephotoagency.it

Scoppia la polemica per il marchio S.P.Q.R apparso sulla divisa della Roma durante il derby con la Lazio: la società di Lotito chiede chiarezza. La Raggi fa chiarezza – 4 maggio

Nuova e forse ultima puntata sulla polemica per il marchio S.P.Q.R. apparso sulle maglie della Roma nel derby contro la Lazio. Virginia Raggi, sindaco di Roma, ha scritto un lungo post su Facebook provando a fare chiarezza sull’episodio: «Non sanno come far perdere tempo e denaro e lanciano polemiche surreali ogni giorno. Ora è la volta della sigla S.P.Q.R. che potrebbe essere oggetto addirittura di un’interrogazione urgente in Aula. I consiglieri d’opposizione farebbero bene a soffermarsi sullo studio delle leggi e ad evitare spreco di denaro pubblico costringendo l’Assemblea capitolina a riunirsi per parlare del nulla.  La scritta S.P.Q.R. è un’espressione di uso comune e, per questo, non registrabile: tutti possono utilizzarla. S.P.Q.R. è una sigla che in tutto il mondo viene associata alla città di Roma, è una espressione della quale essere orgogliosi e sulla quale non andrebbero montate strumentalizzazioni politico-sportive. Lo ripetiamo da tempo: l’opposizione pensi a lavorare. Le “urgenze” sono altre. In ogni caso, abbiamo verificato se in passato sia mai stato registrato dall’Amministrazione Capitolina un “marchio” figurativo (che è cosa ben differente rispetto alla sigla S.P.Q.R.) con lo scudo e la scritta. Lo faremo noi. Beninteso che la scritta “S.P.Q.R.” è e resta patrimonio del mondo».

Polemica per il marchio S.P.Q.R.: Onorato presenterà interrogazione alla Raggi – 3 maggio

Non si placa la polemica a distanza tra Roma e Lazio. Il club giallorosso ha utilizzato il marchio S.P.Q.R nel derby e i biancocelesti recriminano perché a loro modo divedere quello è un marchio universale e non se ne può pregiare solo la Roma. Alessandro Onorato, consigliere comunale, presenterà una interrogazione alla Raggi. Il Comune non ha risposto ufficialmente sulla questione ma ritiene che quello sia un marchio universale utilizzato in tutto il mondo. Identica la posizione della Roma: nessuna risposta ufficiale, solo ufficiosa. Secondo i giallorossi quello è un marchio universale e in passato anche la Lazio ha utilizzato dei simboli di Roma come Colosseo e San Pietro ma secondo “Il Corriere dello Sport” Lotito chiese e ottenne l’autorizzazione per rappresentare il Colosseo sulla maglia in occasione della Supercoppa, giocata a Pechino.

Lazio, polemica per il marchio S.P.Q.R. utilizzato dalla Roma nel derby

La scelta della Roma d’indossare una maglia con la scritta S.P.Q.R durante l’ultimo derby, non è stato accettata di buon grado dalla Lazio. La società biancoceleste, infatti, attraverso il direttore della comunicazione, Arturo Diaconale, ha chiesto chiarezza. Queste le sue parole a Lazio Style Radio: «Non so se l’utilizzo sia stato autorizzato da Comune e sia consentito a tutti. Vorremmo sapere se c’è stato l’autorizzazione e se per caso si è voluta dare l’impressione che esista un’identificazione tra squadra e città: Roma s’identifica con entrambe le squadre, soprattutto con quella più antica che ha portato il calcio in città. Anche la Lazio può scendere in campo con S.P.Q.R, identificando con l’Aquila l’appartenenza alla città, perché non solo la Lupa è simbolo di Roma. Utilizzare in modo libero il brand S.P.Q.R è uno spreco». A Diaconale si è unito anche Alessandro Onorato, consigliere in Campidoglio, che attraverso il proprio profilo Twitter ha espresso il suo dissenso, annunciando di voler chiarezza dal Sindaco Raggi.