Connettiti con noi

Azzurri

L’eredità di Spadafora, ministro controverso nel momento più complicato dello sport

Alberto Mauro

Pubblicato

su

Spadafora

In attesa delle riforme il ministro Spadafora conclude il suo mandato, dopo i mesi più difficile dello sport italiano dal dopoguerra

Rimarranno le dichiarazioni spesso contro corrente, le polemiche social con Cristiano Ronaldo e una riforma dello sport (5 decreti) in attesa del via libera entro il 28 febbraio. Vincenzo Spadafora conclude il suo mandato da ministro per le politiche giovanili e dello Sport. E la sensazione – più o meno condivisa – è che negli ultimi mesi abbia dovuto scalare un 4mila senza corde, piccozza e ramponi. Nel momento di massima crisi del calcio, e dello sport italiano – in ginocchio causa Covid-19 – la politica italiana non è riuscita a dare risposte adeguate, garanzie tempestive o soluzioni mirate a breve o medio termine, chiudendo spesso i battenti o rinunciando a priori, invece di provare a salvare il salvabile. 

La politica di Spadafora è stata controversa, con picchi di insofferenza nei confronti dei sistemi di massa (il calcio per intenderci) mai esplicitati ma filtrati attraverso post social, dichiarazioni o interviste tv e sui giornali. Il peccato originale di Spadafora è stata la mancanza di esperienza in materia, la conferma arriva anche dal diretto interessato, nel giorno dell’addio. «Per molti anni avevo seguito le questioni relative ai diritti dell’infanzia e dei giovani – scrive il ministro -, è sempre stato il centro del mio impegno. Non conoscevo invece il mondo dello sport, al quale mi sono avvicinato con curiosità, rispetto e attenzione». Rispetto e attenzione sono il minimo sindacale, e forse era impossibile fare meglio. Ma per fronteggiare una crisi pandemica senza precedenti a livello mondiale lo sport italiano forse avrebbe meritato qualcosa o “qualcuno” di più. 

Advertisement