Finisce la favola di Mastour: niente rinnovo, il Milan fa un dispetto a Raiola?

© foto www.imagephotoagency.it

Hachim Mastour, che aveva incantato tutti nella Primavera rossonera attirando le attenzioni di mezza Europa, lascia il Milan da svincolato.

A diciannove anni appena compiuti, infatti, il talento originario del Marocco lascia definitivamente i rossoneri. E lo fa da svincolato. Il contratto di Mastour con il Milan è scaduto il 30 giugno del 2017 e la società ha deciso di non rinnovarlo nonostante, fino a un paio di anni fa, fosse ritenuto uno dei giovani più promettenti in giro per l’Europa.
Dopo le prestazioni esplosive in Primavera, sulle sue tracce si erano messi top club come il Real Madrid e Paris Saint German. Da qui la decisione da parte della società rossonera di blindare il giovane ragazzo, mandandolo in giro per l’Europa anche, si dice, per alcuni limiti caratteriali.

Il Milan ha deciso nel 2015/2016 di girarlo in prestito al Malaga per permettergli di mettere minuti importanti nelle gambe e magari anche di crescere a livello di tenuta mentale.
In Spagna dopo una serie di problemi legati al contratto, il ragazzino ha collezionato una sola presenza, entrando nei minuti finali del match contro il Betis. Troppo poco per un giocatore arrivato tra grandi aspettative: il Malaga ha deciso nell’estate successiva di rispedirlo al Milan risolvendo anticipatamente il prestito. Pochi giorni dopo il nuovo prestito questa volta in Olanda al PEC Zwolle. La stampa olandese ha definito il trequartista come uno dei maggiori flop di mercato, confermando così i numeri poco incoraggianti collezionati nella sua nuova esperienza con sole 6 presenze all’attivo.

Ecco allora il ritorno a Milano, solo però per poche settimane prima dell’addio definitivo. Sulla decisione di non rinnovare il contratto al funambolo marocchino può aver pesato lo scontro che ha avuto la società rossonera con Mino Raiola circa il contratto di Donnarumma.
Infatti Raiola oltre a curare gli interessi del portiere dell’under 21, ha sotto la sua ala protettrice anche Abate, Rodrigo Ely, Bonaventura e proprio Hachim Mastour.
La speranza è che il giovane talento possa ritrovare quella strada che sembra al momento smarrita e soddisfare le aspettative riposte in lui da tutti gli addetti ai lavori.