Milan, Fassone agli azionisti: «A gennaio non prendiamo nessuno. Sul top player da cedere senza Champions..»

Milan, Fassone agli azionisti: «A gennaio non prendiamo nessuno. Sul top player da cedere senza Champions..»
© foto www.imagephotoagency.it

Marco Fassone ha parlato con i piccoli azionisti rivelando molto delle future strategie del Milan, in campo e fuori

A margine dell’assemblea dei soci, Marco Fassone si è intrattenuto con i piccoli azionisti del Milan, rispondendo ad alcune domande sulle prossime mosse del club rossonero. Uno degli spunti più interessanti dal punto di vista dei tifosi è quello riguardante il mercato. L’ad del Milan ha confermato che a gennaio non arriverà nessuno, a meno che non si riveli «strettamente necessario».

Rispetto alla paventata cessione del top player in caso di mancata qualificazione alla prossima Champions League, Fassone ha tranquillizzato i tifosi. Il Milan, ha spiegato, non venderà il suo top player a prescindere: la cessione dipenderà da una valutazione tecnica. Se il club riterrà che può essere acquistato un giocatore più funzionale al progetto, ecco che venderà il top player attualmente in rosa per arrivare all’obiettivo di mercato.

Fassone ha parlato anche del tema nuovo stadio. La preferenza dei rossoneri è quella di avere un impianto di proprietà, che sia possibilmente San Siro. In questo senso, però, l’ostacolo è rappresentato dall’Inter, che a sua volta non vuole rinunciare alla Scala del Calcio. Fassone ha chiarito che verranno vagliate tutte le ipotesi tenendo presente la volontà dei tifosi.

L’amministratore delegato ha ammesso che le previsioni per l’ingresso alla prossima Champions League si sono rivelate errate: il convincimento era che bastassero 71-72 punti ma il ritmo elevato delle squadre in testa alla classifica ha spostato l’asticella più in alto. Chiusura riservata alla questione nuovo sponsor tecnico. La parte fissa, rispetto ad Adidas, è inferiore in termini di introiti, maggiore è però la parte variabile, quella legata ai risultati sportivi e commerciali. Non tramonta l’ipotesi di uno sbarco in borsa del titolo del Milan: la data più probabile sarebbe quella del 2020.