Milan: Montella salvato dall’esonero dai giocatori e non solo

Milan: Montella salvato dall’esonero dai giocatori e non solo
© foto www.imagephotoagency.it

Milan: l’esonero di Montella non è scontato come sembra. Il tecnico rossonero “graziato” finora dallo spogliatoio, ma la dirigenza non è ancora del tutto convinta nemmeno dell’ipotesi Gattuso

Che Vincenzo Montella si giochi quasi tutto il suo futuro domani contro il Sassuolo lo sanno anche le pietre. Non è un segreto e non deve esserlo, anche se in verità l’esonero del tecnico del Milan ad oggi appare un po’ meno scontato, in caso di sconfitta, rispetto a quanto si creda. Il motivo lo spiega Il Corriere della Sera, svelando qualche retroscena succulento riguardante la mancata cacciata dell’allenatore partenopeo nonostante l’ultimo filotto di risultati non propriamente esaltanti. Il fatto è che, raccontano i bene informati, l’amministratore delegato Marco Fassone sarebbe ancora titubante riguardo al futuro di Montella che, a differenza di quanto scritto nelle ultime settimane, avrebbe in realtà dalla sua il sostegno di quasi tutto lo spogliatoio ed in particolar modo dei giocatori più influenti: da Riccardo Montolivo allo stesso capitano Leonardo Bonucci.

Nessuno di loro ha chiesto l’esonero di Montella ed il motivo è chiaro: l’allenatore sta cercando in tutti i modi di salvare il salvabile. Se qualcuno sta giocando meno, questo fa parte semplicemente delle normalissime dinamiche di squadra, ma nulla di personale contro un giocatore piuttosto che un altro. Insomma: l’allenatore milanista non è inviso a nessuno e questo ha indotto anche i vertici della società ad una profonda riflessione. Sono escluse reazioni di pancia, ovvero immediate, anche in caso di sconfitta col Sassuolo (possibile che Fassone si prenda qualche ora per decidere meglio) ed in più, con Paulo Sousa prossimo alla panchina del Tianjin Quanjian in Cina, la soluzione di un traghettatore, Gennaro Gattuso (leggi anche: Milan, esonero Montella: ecco i piani di riserva) non convincerebbe del tutto la dirigenza, ancora poco certa delle capacità dell’attuale allenatore della Primavera milanista. Per adesso Montella ha in mano lo spogliatoio del Milan, certo è che se le cose dovessero andare ancora male, in pochi potrebbero davvero salvarlo…