Napoli contro Rai: la replica di Rambaudi

Napoli contro Rai: la replica di Rambaudi
© foto www.imagephotoagency.it

Napoli – Rai, il post partita con la Juventus è un attacco alla tv di stato (con relativo codazzo): oltre alle dichiarazioni di Giuntoli, ecco il tweet dell’account ufficiale dei partenopei…

Napoli – Rai: la replica di Rambaudi – 3 marzo, ore 19.41

Non si placano le polemiche Napoli – Rai. E’ la volta di Roberto Rambaudi, commentatore tecnico della Rai ed ex calciatore, che intervenuto a Canale 21 ha detto la sua sulle critiche ricevute martedì: «Non comprendo il senso delle proteste dei napoletani nei miei confronti. Faccio il commentatore avvalendomi della mia esperienza da ex calciatore, non ho giocato nella Juventus e nel Napoli e non parteggio per nessuna di queste due squadre. Ho riascoltato la telecronaca e non mi riconosco per niente nelle accuse di faziosità che mi sono state addebitate. Avevo davanti a me un monitor non troppo grande e ho visto solo una volta il presunto fallo di Reina su Cuadrado. Non mi sono sbilanciato perché le prime immagini a nostra disposizione non erano chiare. Ho invece criticato a lungo l’atteggiamento della difesa azzurra in quell’azione perché il posizionamento dei difensori su Dybala e Cuadrado è inconcepibile», riporta Il Mattino.

Napoli – Rai: polemiche e polemiche – 2 marzo, ore 7.34

Continuano le polemiche tra il Napoli e Rai Sport per quanto riguarda la partita di Coppa Italia dell’altro ieri. Il Napoli è imbufalito e anche Luigi De Magistris, sindaco del capoluogo campano, si è scagliato contro la Juventus e la tv di stato. Ha fatto scalpore anche una lettera alla Fifa di alcuni bambini napoletani e tifosi azzurri, ma a proposito di fan partenopei, ce n’è uno famoso che ha parlato di ‘bastardata’ nei confronti del Napoli, riferendosi al match con la Juve. Si tratta dello scrittore Maurizio De Giovanni: «L’arbitraggio incredibile di Valeri, i cori indecenti dei tifosi juventini contro Napoli, il trattamento riservatoci da Rai Sport: quante bastardate contro la mia città».

Napoli – Rai: la risposta dell’emittente televisiva – 1 marzo, ore 15.28

La Rai si difende dagli attacchi del Napoli e lo fa tramite una nota letta nel corso del Tg2 Sport: «Riguardo alle polemiche sulla telecronaca della partita Juventus-Napoli, la direzione di Rai Sport ritiene ineccepibile l’operato di Gianni Cerqueti e Roberto Rambaudi. Telecronista e commentatore tecnico hanno dimostrato competenza ed equilibrio. Ogni critica è strumentale».

Napoli – Rai: parla il capo dell’ufficio stampa – 1 marzo, ore 14.42

Nicola Lombardo, responsabile della comunicazione del Napoli, ha parlato sulle frequenze di Radio24: «Siamo la società che interviene di meno per parlare degli arbitri, 4 volte in 5 anni. Crediamo che gli arbitri siano un anello importante ma debole del calcio. Sky e Mediaset fanno vedere tutto, la Rai ieri non l’ha fatto. Anzi il telecronista non ha proprio chiesto alla regia il replay sul rigore non concesso per fallo su Albiol. Il tweet della società? Un semplice tweet di protesta contro un ente pagato con i soldi di tutti credo che ci possa stare. Silenzio stampa? Decisione aziendale, ma prima o poi finirà».

Napoli – Rai: battibecco tra Varriale e Angelini – 1 marzo, ore 9.06

Non è bello quando due colleghi si beccano, neppure sui social network. Eppure è successo, c’è chi pensa per ragioni di tifo e chi no, ma comunque Enrico Varriale e Antonello Angelini non se le sono mandate a dire su Twitter. Varriale indirettamente ha risposto a chi ha accusato la Rai di essere faziosa e ha scritto: «Arbitraggio scandaloso». Questo coming out non è piaciuto all’omologo Angelini, che ha prontamente risposto: «Piantala di fare il tifoso Enrico, vi hanno dato tutti torto, persino Sconcerti». Varriale, non nuovo a polemiche con altri giornalisti o giocatori, ha chiuso: «Infatti a fare il tifoso basti tu. Solo che la mia azienda ti consente di farlo in uno studio della Rai». Tra i due litiganti, nessuno gode.

Napoli – Rai, l’agente di Sarri la tocca piano – 1 marzo, ore 7.07

Nel marasma generale del post partita tra Napoli e Juventus in Coppa Italia, Alessandro Pellegrini si è fatto notare su Twitter con un post contro la Rai. Il procuratore di Maurizio Sarri non si è certo risparmiato contro la tv di stato (e non solo) e ha scritto quanto segue: «Telecronisti e opinionisti di Rai Sport lo stipendio o il gettone lo prendono grazie al canone. Se devo sentire osannare vado in chiesa. Ora voglio vedere al ritorno il prefetto di Napoli se blocca solo i residenti in Piemonte, nel caso il San Paolo sold-out». La polemica di Pellegrini si accoda a quella del Napoli alla fine del match caratterizzato dalle decisioni arbitrali di Valeri.

Napoli – Rai: «Meglio le partite senza audio», arriva la replica

E’ arrivata prontamente la replica della redazione di Rai Sport in seguito al tweet diffuso dalla società del Napoli: Se guardate le partite sulla Rai fatelo senza audio!». Durante la trasmissione Zona 11, Marco Mazzocchi ha cosi replicato: «Questo tweet del Napoli è inaccettabile. E’ un tweet che va contro la passione dei lavoratori: lo può fare un tifoso, ma non una società di calcio e adesso se ne assume la responsabilità».

Napoli – Rai, è attacco: «Meglio le partite senza audio!»

La gara tra Juventus e Napoli ha portato con sé strascichi di polemiche a destra e manca. Nella fattispecie, il club campano ha attaccato pesantemente la direzione arbitrale di Valeri nella semifinale d’andata della TIM Cup in programma allo Juventus Stadium. Sul banco, sopratutto, alcuni diversi episodi che hanno fatto impazzire le moviole post-partita, sopratutto riguardanti l’episodio in occasione del calcio di rigore del 3-1 siglato poi da Dybala, nato da un contropiede bianconero in seguito ad un intervento falloso su Raul Albiol in area bianconera. Dapprima ci ha pensato il difensore del Napoli, interrompendo il silenzio stampa, Lorenzo Tonelli, che ha gridato allo «scandalo!». Poi, le dichiarazioni del direttore sportivo Cristiano Giuntoli ai microfoni della Rai. Proprio l’emittente radiotelevisiva italiana, infine, è stata oggetto di una forte critica proveniente dall’account ufficiale del club, versione inglese: «Se guardate le partite sulla Rai fatelo senza audio!» il commento del profilo ufficiale del club che ha mosso critiche anche alla telecronaca RAI della semifinale di stasera…