Nicolato: «Scamacca, Kean e gli altri: l'Italia adesso ha i centravanti» - Calcio News 24
Connettiti con noi

Azzurri

Nicolato: «Scamacca, Kean e gli altri: l’Italia adesso ha i centravanti»

Pubblicato

su

Nicolato

Paolo Nicolato, ex Ct dell’Italia U21, ha parlato a La Gazzetta dello Sport sugli attaccanti del futuro per gli azzurri di Spalletti

Ex Ct dell’Under 21, Paolo Nicolato su La Gazzetta dello Sport ha fatto un’analisi sui numeri 9 più interessanti per la Nazionale maggiore.

SCAMACCA«É innanzitutto un ragazzo a cui voglio molto bene, è tra quelli che ho portato dall’Under 18 alla 21, si è instaurato un rapporto speciale».

LE CARATTTERISTICHE DELL’ATALANTINO«Grande talento, grandi capacità fisiche, tecniche e acrobatiche, imprevedibile perché può segnare in tutti i modi, sa inventare situazioni dal nulla come i grandi attaccanti sanno fare. É un vero atleta, forza incredibile, grande coordinazione nonostante la struttura enorme, quando calcia in porta 9 volte su 10 fa gol».

KEAN«L’ho avuto in Under 19 e fece 2 gol in finale all’Europeo, purtroppo con il Portogallo non bastò. Giocatore diverso da Scamacca, di grandissima gamba: ha un’esplosività fuori dalla media, sfrutta bene gli spazi. Va bene per squadre più di ripartenza. Nella Juve sta facendo bene, in quel sistema di gioco e con quella filosofia è molto calzante».

COLOMBO«Con noi in Under 21 è sempre stato sotto età. Di lui ho sempre apprezzato la capacità di rendersi utile alla squadra: generoso, partecipe, sempre pronto ad aiutare. E ha una grande capacità di calcio con il sinistro: se si porta il pallone sul piede forte è un altro che fa male. E si è visto a Verona».

PINAMONTI«Per me è stato un capitano importante, ci ha dato tanto soprattutto al Mondiale Under 20 quando non stava benissimo ma voleva esserci a tutti i costi. É uno che non balza all’occhio ma fa giocare bene gli altri, sa dialogare, fa entrambe le fasi, ha personalità».

PELLEGRI«Gli voglio bene, in lui vedo doti – e le vede anche Juric – fisiche e tecniche. A 21 anni fa fatica a trovare continuità e questo lo penalizza, ma stiamo parlando di un attaccante di grande potenzialità, che può avere prospettive interessanti».