Supercoppa Primavera: doppietta di Facundo Colidio e nerazzurri campioni

Supercoppa Primavera: doppietta di Facundo Colidio e nerazzurri campioni
© foto www.imagephotoagency.it

Una doppietta di Colidio regala la Supercoppa Primavera all’Inter: battuta la Roma ai tempi supplementari

L’Inter Primavera batte i pari età della Roma e si aggiudica la Supercoppa: decisiva la doppietta di Colidio, attaccante argentino arrivato in estate dal Boca Juniors per 7 milioni di euro dopo una lunga battaglia con la Juventus, anche lei fortemente interessata al classe 2000. E alla prima a San Siro, Colidio ha deciso la Supercoppa Primavera, stendendo la Roma (2-1) con una doppietta d’autore e regalando a Stefano Vecchi il quarto trofeo sulla panchina della Primavera nerazzurra in quattro stagioni. Insomma, una prima da predestinato. E il popolo nerazzurro è già pazzo di lui. La storia della partita vede l’Inter avanti dopo cento secondi: Colidio ruba palla in fascia, salta l’uomo e costruisce la ripartenza vincente servendo Emmers in verticale e andando poi a raccogliere nel cuore dell’area il cross basso del compagno. Destro potente respinto da Romagnoli (prestazione maiuscola del portiere giallorosso) e poi tap-in per l’1-0. Ma alla Roma bastano tre minuti per impattare il punteggio: Riccardi strappa a destra, cross rasoterra su cui Pissardo smanaccia in uscita bassa verso il limite dell’area, dove Marcucci è solo per stoppare e inventare la pennellata dell’1-1. L’Inter si spaventa, la Roma avanza il baricentro e prende in mano il match, e solo un ottimo Pissardo riesce a negare il gol a Riccardi, lanciato a rete dall’ispirato Antonucci. Sul finire di tempo l’Inter ha due grandi occasioni con Odgaard e Brignoli, ma la Roma grazie al suo ottimo portiere si salva.

La ripresa è meno entusiasmante e le occasioni sono da registrare a fine partita, con le squadre lunghe e stanche: ma l’Inter fallisce il colpo del k.o. prima con Sala e poi con Rover, che sbattono nuovamente sul portiere Romagnoli. Si vai ai supplementari, dove Colidio completa la sua favola con una rovesciata di esterno a due minuti dalla fine. La festa è dell’Inter e per mister Vecchi. E con un Colidio così, chissà che non si possa sognare anche in ambito europeo con la Youth League