La cena di Messi, Suarez e Fabregas: conto da 37mila euro. «Falso», l’argentino risponde per le rime – FOTO

messi suarez fabregas ibiza
© foto Twitter - @mephobia8

Messi risponde: «Sono disgustato, com’è possibile inventarsi buglie simili» – 18 giugno, ore 20,55

Il fantasista del Barcellona, Lionel Messi, non ha gradito le foto riguardanti un presunto conto da 37mila euro pagato in un ristorante di Ibiza per una cena coin gli amici, tra cui Fabregas e Suarez. Il fuoriclasse argentino, rispondendo a un post sui social network che mostrava uno scontrino con tale cifra, ha risposto per le rime: «Sono davvero disgustato dal modo in cui si parla delle persone. Com’è possibile inventarsi bugie del genere. La cosa più divertente è che la gente ci crede davvero».

Messi

Messi, Suarez e Fabregas hanno passato una serata in discoteca con le loro consorti e il conto è da capogiro

Anche per i calciatori è arrivato il momento delle meritate vacanze. Ibiza è da sempre una delle mete preferite per trascorrere serate spensierate in compagnia di colleghi e vip. Ieri sera in un locale della Isla si sono ritrovati allo stesso tavolo Messi, Suarez e Fabregas accompagnati dalle rispettive consorti e qualche amico. La serata è scivolata via tra consumazioni e bottiglie di spumante. Il problema è che dopo aver pagato il conto hanno lasciato lo scontrino sul tavolo e qualcuno ha bene pensato di raccoglierlo e di postarlo on line sui social network.

La cifra è di quelle astronomiche per una serata tra amici, con un conto che sfiora i 40mila euro: 37.330 per la precisione. Oltre alla somma, quello che salta all’occhio è anche il numero e il tipo di portate. Oltre ad un numero imprecisato di consumazioni, nella lista di sono 41 (si quarantuno) bottiglie di Don Perignon, diverse bottiglie di whisky e otto hamburger da 200 gr. In ogni caso è probabile che al tavolo con loro ci fosse anche qualche amico. Certo confrontati con il loro stipendio sono noccioline specialmente per Lionel Messi, visto il nuovo contratto che sta per firmare.

Condividi