Fantacalcio, consigli: le indicazioni per la 3.a giornata di Serie A

392
fantacalcio consigli
© foto www.imagephotoagency.it

Al via la terza giornata di campionato: la Juve prova ad allungare ma deve battere il Sassuolo, Genoa e Sampdoria alla prova del nove. Inter e Napoli chiamate a fare il risultato. Le neopromosse alla ricerca dei primi punti in classifica. Occhio a chi schierare al fantacalcio.

Terza giornata di campionato, terzo impegno fantacalcistico, ormai il calciomercato è un lontano ricordo, le scelte che avete fatto sono quelle con le quali dovete fare i conti. E spesso, in questo maledetto gioco, i conti non tornano mai. Parliamoci chiaro, avete già tirato in ballo tutti i santi del calendario alla notizia che Belotti non lo rivedrete almeno per altre tre partite. Vi siete già pentiti di aver comprato metà Inter perché De Boer vi ispirava fiducia.  Ma soprattutto vi state chiedendo come mai le due genovesi si trovano così in alto in classifica dopo solo due giornate: ecco questa domanda mi tormenta ma penso che è tutto fieno in cascina per quando ci saranno i tempi duri. Insomma al fantacalcio come nella vita l’importante è mettere da parte: punti, risparmi di una vita.

GENOA E SAMPDORIA ALLA PROVA DEL NOVE: ROMA E FIORENTINA ALLE PORTE. IL NAPOLI VUOLE TRE PUNTI

Bottino pieno per entrambe le squadre genovesi dopo le prime due giornate e primi avversari di livello in questa terza prova di campionato. Ecco, se avete puntato tutto sull’undici di Giampaolo e di Juric al fantacalcio forse è meglio che per questa giornata passate la mano, gli avversari non sono proprio quelli incontrati fino ad oggi. La Sampdoria si trova in trasferta contro la Roma: a leggere l’undici giallorosso e quello blucerchiato viene in mente subito il match tra Ivan Drago e Apollo Creed. Dove, per inciso, la Sampdoria non veste i panni dell’atleta russo. Se al fantacalcio avete puntato sui ragazzi di Spalletti questa è la partita dove schierarli, tutti, senza dubbio. Perotti poi dovrebbe essere il vostro giocatore insostituibile. Il Genoa invece ha una partita sulla carta più facile, seppur non di molto. La Fiorentina si aggrappa al talento dei suoi slavi per cercare di portare a casa i tre punti al Ferraris: dentro Kalinin e Ilicic con l’insostituibile Borja Valero a smistare palloni. I rossoblù però possono contare su Pavoletti che sarà deputato a mettere in crisi la difesa avversaria e impensierire Tatarusanu. Dal primo minuto potrebbe giocare anche Ocampos in ballottaggio con Gakpè.

Partita in sostanziale discesa invece per il Napoli di Sarri. Davanti c’è il Palermo di De Zerbi, squalificato per una giornata. I ragazzi di Zamparini non si sono rafforzati sul mercato e iniziano il campionato come l’hanno sostanzialmente finito, arrancando e poco potranno fare contro la corazzata partenopea. Sarei per non rischiare mette dentro Milik e Mertens alle cui spalle agirà Callejon. A centrocampo Hamsik e Jorginho a fare filtro, in difesa i soliti quattro gladiatori davanti a Reina. Per il Palermo il solo Diamanti dovrà cercare di far pendere l’ago della bilancia in favore dei rosanero.

INTER E MILAN CONTRO PESCARA E UDINESE, LA JUVENTUS AFFRONTA L’OSTICO SASSUOLO

Se, come me, avete puntato molto sull’Inter e adesso state chiamando in causa tutti i santi del paradiso, amici miei, dobbiamo pazientare. Che De Boer avesse qualche problema ad ingranare la marcia al primo anno in Serie A non dovevamo averne dubbi, con una squadra poi che non conosceva e non aveva contribuito a formare in sede di calciomercato. Sulla carta comunque l’Inter potrebbe veramente essere la rivelazione di questo campionato, serve tempo, quello necessario a mettere le pedine nei giusti spazi. Vedere che De Boer dava fiducia a Ranocchia come centrale ha fatto rizzare i capelli anche a me, ma ha subito raddrizzato il tiro sistemando nuovamente la difesa con i nomi necessari: Miranda e Murillo. Davanti alla difesa il solito irriducibile Medel. L’acquisto perfetto di questa squadra è Candreva, signori miei, questo giocatore all’Inter può fargli fare il salto di qualità. Ancora oggetti misteriosi, per questo vale la regola di non riempirsi di prime stagioni, restano Banega e Joao Mario. Se qualcuno invece nutre ancora dei dubbi su Perisic e Icardi ha bisogno di un TSO, mai come quest’anno ci punto forte. A questo giro di boa gli avversari sono i ragazzi di Oddo. Pescara neopromosso che male non ha fatto nelle prime uscite, come gioco espresso e situazioni create. Anche forse un po’ colpa degli avversari che l’hanno sottovalutato, ma delle squadre approdate in Serie A è sicuramente la meglio attrezzata.

Passiamo alla squadra di Montella che dovrà affrontare l’Udinese di Iachini. Dopo un inizio scoppiettante, con un Bacca inarrestabile, adesso bisogna continuare a macinare campo e punti. Personalmente la squadra di Montella non lavello da prima fascia. A parte riportare Suso a casa sul mercato sono stati abbastanza immobili, togliendo ovviamente l’acquisto di Sosa, tutto da sperimentare. All’asta io non avrei acquistato nessuno e in questa giornata poi vengono meno anche gli squalificati Niang e Kucka a impensierire l’ex allenatore blucerchiato: allora di nuovo tutta la squadra sulle spalle di Bacca e Bonaventura. Dall’altra parte del campo torna un mio pupillo al fantacalcio: Thereau, assieme a Zapata e a De Paul. Lo ammetto, vedere l’Udinese battere il Milan mi farebbe piacere non poco. Anche se il pareggio è il risultato più auspicabile per la situazione presente.

Ora buttiamo un occhio alla Juventus: Allegri ha tutta la mia stima, ma se non comincia a schierare anche Marione Mandzukic a me si chiude la vena. Logicamente con Dybala e Higuain là davanti lo spazio comincia ad essere ben poco. In ogni caso a leggere la lista dei titolari e poi quella dei panchinari, la parola SCUDETTO non può che essere perennemente sulle labbra. Bonucci insostituibile, Khedira ritrovato, per non parlare di tutti gli altri che numeri alla mano non sono certo delle seconde scelte. L’avversario a questo giro è il Sassuolo di Di Francesco, squadra priva di Berardi ma che può contare sull’acquisto di Matri e su un gruppo ormai consolidato, un undici da non trascurare nelle scelte per il fantacalcio.

NEO-PROMOSSE ALLA RICERCA DI PUNTI. CHIEVO – LAZIO PARTITA DAL RISULTATO INCERTO. MIHAJLOVIC CERCA IL RISULTATO

Le ultime partite di questa giornata vedono le neo-promosse alla ricerca di punti importanti: il Cagliari, squadra che attira sempre le mie simpatie, ha tutte le carte in regola per fare benissimo contro il Bologna in trasferta. Parliamoci chiaro: può una squadra che ha nel suo mazzo Boriello, Sau, Padoin, Brunone Alves, Isla e Storari non abbattere il Bologna di Donadoni?! Va bene, anche il Bologna si è rafforzato e non poco: Dzemaili è stato un bel colpo di mercato, Destro dovrebbe essere abbastanza in palla, ricordatevene per il vostro fantacalcio, e comunque la lista degli infortunati che potranno tornare a disposizione non fa del Bologna una candidata alla retrocessione.

Diversa la situazione dell’Atalanta di Gasperini che è apparsa abbastanza in palla, seppur ha raccolto praticamente nulla da queste due prime uscite di campionato. L’avversario a questo giro non è di nuovo abbordabile: il Torino di Mihajlovic che, seppur orfano di Belotti cosa al fantacalcio che rasenta la tragedia, può cercare di strappare il pareggio. Dalla sua Gasperini ha Paloschi e Gomez, nonché il gioiellino Kessie che tanto bene ha fatto le prime due gare.

Empoli – Crotone non si può dire sia un big match irresistibile. Maccherone, Saponara e Pucciarelli non dovrebbero avere problemi contro la squadra di Nicola che si affida a Palladino e Falcinelli per trovare i primi punti importanti del campionato, seppur in trasferta non sia cosa semplice.

Infine Chievo – Lazio. Ecco questa partita potrebbe riservare non poche sorprese a livello del fantacalcio: entrambe le squadre hanno iniziato bene, poi il Chievo resta una incognita ogni campionato, ma fino a che potrà vantare le prestazioni sportive di Birsa io la terrò sempre in grande considerazione. Inoltre Meggiorini e Inglese sembrano intendersela veramente alla grande e se questo non bastasse può sempre entrare in campo nonno Pellissier a mettere in ordine. Dall’altra parte Inzaghi va sul sicuro: Felipe Anderson, Immobile e Keita per l’attacco. L’esperienza di Bigla e Lulic con Parolo a centrocampo. Marchetti, Basta e De Vrij a difesa della porta. Una partita dalla X scontata che potrebbe finire in goleada e mani in faccia a tempo zero, siete avvisati.

Francesca Faralli
Nasco prematura sotto il segno dei gemelli nel 1986. Chernobyl può aver influito. Ho seguito il vero amore, mi ha denunciato per stalking.
Condividi
Articolo precedente
Genoa ivan juric sassuolo skyGenoa, Ocampos: «Sogno gol e vittoria contro la Viola»
Prossimo articolo
Giudice SportivoRastelli: «Bologna? Ce la giochiamo con tutti»