Genoa – Fiorentina: si studia la data. Prima della gara…

264
convocati fiorentina
© foto www.imagephotoagency.it

Genoa – Fiorentina sospesa per pioggia, si studia la data di recupero: possibile il 15 dicembre, ma se ne discuterà. Il terreno di Marassi bagnato poche ore prima dell’alluvione per richiesta del club viola…

Sospesa ieri per pioggia, magari un po’ troppo frettolosamente, Genoa – Fiorentina adesso andrà recuperata. Quando? Si studiano le esigenze delle due squadre, molto impegnate prossimamente, ma la data più probabile potrebbe essere quella del 15 dicembre. In verità nulla è ancora ufficialmente deciso e, soprattutto la squadra viola, che è impegnata anche in Europa League, ha più di una richiesta. L’allenatore Paulo Sousa gradirebbe, scrive Il Secolo XIX oggi, la data dell’11 gennaio, ma saremmo già troppo in là con i tempi. Ci sarebbe la data del 30 novembre, ma per allora il Marassi sarà occupato dalla Sampdoria, che gioca contro il Cagliari in Coppa Italia. Il primo dicembre, invece, il Genoa affronta il Perugia, sempre in Coppa Italia. Oggi se ne comincerà a parlare in Lega, ma c’è solo una certezza: la gara riprenderà dal minuto 28, cioè esattamente da quanto è stata sospesa sullo 0 a 0.

GENOA – FIORENTINA: IL TERRENO BAGNATO PRIMA DEL VIA – Beffa delle beffe, alla vigilia della partita, a Genova si registravano 30 gradi e nessuno prevedeva pioggia. Così la Fiorentina aveva chiesto alla società rossoblu di bagnare il terreno: richiesta accolta favorevolmente dal Genoa che, proprio con i viola, basa il proprio gioco su triangolazioni veloci ed offensive, che possono essere decisamente favorite da un campo umido in cui il pallone scivola. Poi un quarto d’ora prima della gara ha cominciato a piovere… sul bagnato.

Michele Ruotolo
Classe '88, capo-redattore e responsabile editoriale di Calcionews24. Spesso mi contraddico.
Condividi
Articolo precedente
europa league mainz gabala astana young boysL’Atletico Mineiro non paga, l’Udinese lo cita alla FIFA
Prossimo articolo
zamparini palermoZamparini: «Offerta Cascio non adeguata». Attesi i cinesi