Pagelle Juventus-Monaco: Dani Alves favoloso, Mandzukic e Chiellini eroici

dani alves juventus
© foto www.imagephotoagency.it

Pagelle Juventus-Monaco: Chiellini mostruoso, Dani Alves favoloso. Higuain spreca, ma va bene così…

BUFFON 6.5 – Rischia la frittata in avvio, quando resta a metà strada sull’occasione che capita a Mbappè. Ma è attento quando Falcao gli scalda i guanti. E nella ripresa stoppa Mbappè, anche se alla seconda chance monegasca si arrende. All’andata, però, è stato mostruoso: la finale ha anche la sua impronta da fenomeno.

BARZAGLI 6.5 – Rispetto a Montecarlo la sua è una prova all’altezza del suo valore. Contiene Mbappè, con le buone e con le cattive. Il senso della posizione, caratteristica che in pochi hanno al mondo come lui, non lo fa mai sbandare (40′ st BENATIA NG).

BONUCCI 6 – Compiti di impostazione limitati, soprattutto dopo l’ingresso di Marchisio. Ma in marcatura non sbaglia nulla. Il giallo rimediato nella ripresa tiene in apprensione Allegri, che fa gli scongiuri fino all’ultimo secondo: #fiuuu…

CHIELLINI 7 – La Champions League lo esalta. Falcao lo sa, gli ronza intorno, ma gli effetti del colombiano sono nulli. Dalle sue parti non passa nulla.

ALEX SANDRO 5.5 – Soffre, soprattutto nel finale di primo tempo, il dinamismo di Sidibè. Il brasiliano è attento, ma commette qualche fallo di troppo. Nella ripresa è lui a perdersi Mbappè in occasione del gol: troppo distratto. E Allegri si infuria: in finale non saranno ammessi cali di concentrazione…

KHEDIRA NG – Dopo dieci minuti fa crac: il tedesco è sfortunatissimo e chiede subito il cambio (10′ pt MARCHISIO 6 – Senza infamia e senza lode. Entra ed è subito in palla, ma l’intesa con Pjanic è decisamente perfettibile. Se Khedira non recupera per Cardiff toccherà a lui, che ancora deve aumentare i giri del motore)

PJANIC 6 – Trotterella un po’ e sbaglia qualche passaggio facile. Senza Khedira è un po’ spaesato. Ma da quando è alla Juve ha migliorato notevolmente la fase di non possesso.

DANI ALVES 7.5 – Allegri gli chiede pragmatismo e lui esegue. Quando c’è da pennellare per Mandzukic lui c’è: terzo assist in due gare contro il Monaco. E, per non farsi mancare nulla, ecco il super gol che mette fa godere lo Stadium. What else?

DYBALA 6.5 – Ha il compito di tener palla per far salire la squadra. Lo fa in maniera egregia, anche se i mastini del Monaco non gli danno respiro. Esce nella ripresa, fra l’ovazione di uno Juventus Stadium in adorazione per lui: pace, amore e Joya infinita… (8′ st CUADRADO 6)

MANDZUKIC 7 – Solito sacrificio da perfetto soldato, ma stavolta non perdona nemmeno davanti a Subasic: determinante. La sua faccia da duro è l’emblema di una Juve devastante, in tutto e per tutto.

HIGUAIN 5.5 – Deve ammazzare lui il Monaco, con il suo istinto da killer. Ma nel primo tempo davanti a Subasic tenta un pallonetto evitabile. Si innervosisce quando Glik lo tocca duro e da quel momento la gara del Pipita finisce. Poco male: quello che serviva lo ha fatto a Montecarlo.

ALL. ALLEGRI 7 – In una serata apparentemente tranquilla e serena, almeno dopo il 2-0, perde dieci anni di vita: si arrabbia per qualche distrazione di troppo, per il nervosismo di Bonucci e Higuain e per una Juve che regala troppo al Monaco. Ma è proprio questa la sua forza, la forza che serve per volare a Cardiff: pretende tanto da tutti, ma prima di tutto da se stesso. E ora il meglio deve ancora venire…

Pagelle Juventus-Monaco: Mbappè non basta, serata da incubo per Jemerson e Sidibé, Glik da prova tv

SUBASIC 7 – Su Higuain, su Mandzukic, su Dybala: para tutto il parabile ed anche di più. Per i miracoli rivolgersi altrove…

RAGGI 5.5 – Si supera con un paio di provvidenziali diagonali nel primo tempo, ma anche dalla sua parte la Juve trova troppi varchi

GLIK 4 – Completa 180′ da incubo calpestando Higuain a terra, per poi colpire a tradimento anche Mandzukic e Alex Sandro. Con l’aggravante della premeditazione

JEMERSON 5 – Con i piedi è un disastro, col mestiere se la cava finché può. Poi crolla sotto i colpi bianconeri e vive una serata da dimenticare

SIDIBÈ 5 – Da sinistra a destra rispetto all’andata e poi di nuovo a sinistra nella ripresa, ma il risultato non cambia: la Juve segna sempre e comunque sfondando dalla sua parte

JOAO MOUTINHO 6 – Una felice sventagliata in verticale all’inizio, la giocata sulla sinistra che porta alla rete di Mbappé nella ripresa. Almeno ci prova

BAKAYOKO 6 – Ha piedi e fosforo, e quando il Monaco prende le redini del gioco lo dimostra: peccato succeda raramente. Come all’andata cala sulla distanza e guadagna anzitempo la via delle docce (32′ st GERMAIN NG)

MENDY 6.5 – Si fa male Lemar, poi si fa male Dirar e poi gioca lui. Per fortuna del Monaco, a giudicare dalla sua prestazione. Ha gamba e piede educato: una costante spina nel fianco per la retroguardia bianconera, almeno fino a quando i recenti acciacchi glielo permettono (9′ st FABINHO 6 – Entra e dà sostanza alla mediana monegasca)

BERNARDO SILVA 5.5 – Un sanguinoso passaggio in profondità fuori misura manda al vento un contropiede che, sullo 0-0, avrebbe potuto dare un senso alla trasferta torinese del Monaco. Per i suoi piedi passano tanti palloni, ma questa sera non escono con la necessaria rapidità

FALCAO 5 – Anonimo quanto sei giorni fa, si nota più per un fallaccio da tergo su Chiellini che gli costa il giallo che per le giocate offensive

MBAPPE’ 6.5 – Meno ispirato che sul manto erboso del Principato, ma per fermarlo un signor difensore come Barzagli deve comunque ricorrere sovente alle cattive. E quando non succede sfrutta il suo grande senso della posizione a centro area per metterci lo zampino: gol!

ALL. JARDIM 6 – La imposta come deve: pressing alto e squadra all’assalto. Alla lunga paga dazio, ma il risultato dell’andata non offriva grandi alternative. Comunque il condottiero di un manipolo di ragazzi che sta vivendo una stagione straordinaria

Condividi