Serie B, Trapani dalle Stelle alle Stalle

130
serie b pecchia hellas
© foto www.imagephotoagency.it

Trapani, dalla finale dei play-off all’ultimo posto in classifica

Ci vuole poco a passare dalle stelle alle stalle, a volte bastano pochi mesi per cancellare quanto di buono si era fatto prima. Il 9 giugno scorso, appena quattro mesi fa, i siciliani si apprestavano a giocare il match della Storia. Alla fine la spuntò il Pescara di Oddo, che si guadagnò sul campo la promozione in Serie A, ma il Trapani ci aveva messo il cuore, arrivando ad un passo da una storica promozione. I siciliani furono festeggiati come vincitori anche di fronte alla sconfitta più brutta che si potesse subire, in un match tanto importante, probabilmente il più importante. A volte, però, nel Calcio come nella vita, certi momenti valgono più delle vittorie in sé, perché undici uomini sono riusciti a far crescere in una città senza una grossa tradizione calcistica la passione per questo Sport. Per quanto se ne dica, quella del Trapani, malgrado l’epilogo, è stata una favola di quelle che il Calcio sa ancora raccontare. Di quel Trapani sul piano della rosa è cambiato davvero poco. Ieri sera contro la Ternana, nel match terminato 2 a 2, sono scesi in campo 8 degli 11 giocatori che hanno disputato la finale dei play-off. Sono stati aggiunti in rosa solo tre nuovi elementi: Guerrieri, Casasola e Scozzarella. Di certo il cambio di portiere (Guerrieri al posto del brasiliano Nicolas) può essere un piccolo alibi, ma un crollo del genere, che ha portato il Trapani all’ultimo posto, con soli sei punti in nove giornate, è davvero ingiustificato. Nel prossimo match contro il Bari, anche quest’ultimo in una situazione davvero critica, Serse Cosmi si giocherà una fetta importante di panchina. Il Trapani ha raggiunto il fondo ed ora deve solo lavorare e ritrovare compattezza per risollevare una stagione che ancora ha davvero tanto da dire.

SERIE B – Il Verona, guidato dal “pazzo” Pazzini, non si ferma più. Il 4 a 1, inferto all’Ascoli fuori casa, è un chiaro segnale di fuga. I veneti hanno così raggiunto il primo posto ed ora proveranno ad allungare in classifica nelle prossime settimane, continuando il trend positivo innestato: sei vittorie ed un pareggio nelle ultime sette giornate. Sono numeri spaventosi, uniti ai dieci gol realizzati da Pazzini, che è il primo attaccante europeo a raggiungere la doppia cifra in questa stagione. Il Cittadella, sconfitto dal Perugia per 2 a 0, mantiene il secondo posto ma comincia a mostrare i suoi limiti, mentre il Carpi si porta al terzo posto, superando il Latina per 2 a 0. La Pro Vercelli supera il Novara per 2 a 1, mentre il Vicenza ottiene un’importantissima vittoria in trasferta contro il Pisa per 1 a 0. Il Frosinone distrugge il Bari per 3 a 1, mentre Brescia – Salernitana termina 1 a 1. In un match pieno di gol, l’Entella supera per 3 a 2 il Benevento, mentre l’Avellino torna alla vittoria contro lo Spezia. Infine Cesena – Spal termina 1 a 1.

Condividi