Adriano Galliani: «Monza, ecco le ragioni della scelta di Nesta»
Connettiti con noi

Calciomercato

Adriano Galliani: «Monza, ecco le ragioni della scelta di Nesta. Con Palladino il rapporto è ottimo. COLPANI VIA? Conosco il calciomercato, si decide tutto ALLA FINE…»

Pubblicato

su

Adriano Galliani

Le parole di Adriano Galliani, ad del Monza, sulla scelta di Nesta, il calciomercato e le aspettative per la prossima stagione

Adriano Galliani si appresta a vivere un’altra stagione a capo del Monza con qualche importante novità, a iniziare dalla guida tecnica. Ecco alcuni estratti della sua intervista a La Gazzetta dello Sport.

LA SCELTA DI NESTA – «Conosco Nesta da più di dieci anni, la stima e l’affetto hanno avuto un loro peso ma sono stati secondari. Il primo motivo, ripeto, è stato tecnico. Sono stati bravi François Modesto e Michele Franco, riferimenti dell’area tecnica, oltre ai nostri match analyst: mi hanno proposto degli studi approfonditissimi. Scegliere a quel punto è stato ancora più facile».

NUOVI SOGNI DI GLORIA – «Da giocatore è stato straordinario, uno dei migliori difensori al mondo: non si diventa campioni del Mondo con la nazionale e con il club per caso. E con lui in dieci anni non ho mai avuto un problema: comportamentale, economico, niente. Se da allenatore sarà bravo la metà di quanto lo era da calciatore siamo a posto. La sua storia in questo aiuta, il prestigio che aveva da calciatore può essere un’arma in più».

PARAGONI CON ALTRI MISTER – «Non ne faccio. Dico solo che ho captato una buona atmosfera. Ha parlato lui dei suoi grandi maestri: Zeman, Eriksson, Ancelotti. Ha fatto il suo percorso tra Stati Uniti e Serie B e ora eccoci qua. Inizieremo il 9 agosto in Coppa Italia contro il Sudtirol, il 13 affronteremo il Milan nel Trofeo Silvio Berlusconi: la partita della mia vita».

LA ROSA PER LA STAGIONE – «Abbiamo 30 giocatori, qualcuno uscirà. E per far entrare qualcuno di importante, deve prima partire qualcun altro. Numericamente siamo a posto ma cercheremo di capire se ci sarà l’occasione giusta per migliorare le nostre qualità. Colpani? Non dico né che si muoverà né che non si muoverà. Faccio mercato da 50 anni, quello che non capita in un mese, succede in un minuto. Ho preso Luca Marrone alle 20.00 e 45 secondi dell’ultimo giorno di mercato e fu decisivo con un gol nella finale playoff. Izzo è arrivato alle 19.58 dell’ultimo giorno di trattative e si è comportato benissimo. Posso dire che per Colpani non c’è nessuna trattativa in corso, poi cosa succederà non lo so».

DISPIACIUTO PER PALLADINO VIA – «Il contrario, sono orgoglioso. Di lui, come di Carlos Augusto all’Inter o per Di Gregorio alla Juve. Raffaele ha scelto una squadra che gioca le coppe europee ed è stata una decisione legittima, io l’ho corteggiato e sperato rimanesse ma i rapporti restano affettuosissimi. Si è comportato bene con noi, poteva andarsene un anno fa e invece ha rispettato la parola data a me e Berlusconi. Non ha fatto nessuno sgarbo al Monza».