Atletico, Torres: «Mourinho, ti offro la cena»

torres-tribuna-milan-agosto-2014-ifa
© foto www.imagephotoagency.it

Lo spagnolo torna sul rapporto con il portoghese a Chelsea

Ieri ha svolto il suo primo allenamento con l’Atletico Madrid, stamattina ha passato le visite mediche di squadra: Fernando Torres inizia la sua seconda vita nei “Colchoneros”, di cui anni fa è stato capitano, mettendosi alle spalle un 2014 che lo ha visto indossare in maniera abbastanza disastrosa prima la maglia del Chelsea e successivamente quella del Milan. In estate a dare il via alla girandola di viaggi che infine lo ha riportato a Madrid è stato Josè Mourinho: il portoghese al Chelsea non ha mai visto bene lo spagnolo ed appena poche settimane fa, quando Torres era ancora in prestito al Milan, lo aveva scaricato del tutto.

I NEMICI – Torres a Madrid è tornato sul rapporto con Mourinho: «La stampa cerca sempre storie, ma la verità è che con Josè ho un ottimo rapporto di fiducia ed onestà. Per lui provo solo rispetto e penso che la cosa sia reciproca. Non è vero che mi ha costretto a lasciare il Chelsea, io volevo giocare con regolarità e lui con me è stato onesto dicendo di non potermi promettere niente: se viene a Madrid gli offro una cena, siamo amici». Tutto nella norma. 

I RICORDI – Con il Chelsea è stato amore, con il Milan una scappatella. Torres: «Il Chelsea per me è il passato, ora voglio guardare avanti, ma ovviamente reputo positiva l’esperienza londinese: quanti giocatori arrivano a vincere una Champions League nella loro carriera? Ci sono alcuni dei migliori giocatori al mondo che passano la carriera senza mai conquistarla. Ricordi come quello possono essere considerati solo che buoni». Fine della storia ormai.