L’Inter è viva! Aurier e non solo: col PSG si parla di un maxi-scambio

aurier psg
© foto www.imagephotoagency.it

Aurier e non solo. L’Inter tratta col PSG: si profila un asse di mercato all’orizzonte. Possibile un maxi-scambio che vedrebbe coinvolti anche Joao Mario, Di Maria e Rabiot

Con l’inizio del ritiro estivo, probabilmente comincerà anche il mercato dell’Inter. I nerazzurri, infatti, fino a questo momento sono praticamente fermi al palo. Indubbiamente, entro la fine di agosto, qualche faccia nuova arriverà in casa nerazzurra, specie ora che la società finalmente libera dalle strette del Fair Play Finanziario. Negli ultimi giorni il coordinatore di mercato Walter Sabatini avrebbe preso più contatti. Il più importanti di questi sarebbe stato con il nuovo direttore sportivo del Paris Saint-Germain Antero Henrique. Sul tavolo diversi nomi ma, prima di tutto, l’idea di far nascere una sorta di maxi-asse a livello europeo per il mercato. Inter e PSG potrebbero dare il via insomma ad una grande operazione di mercato su più livelli…

L’ultimo nome in ballo è quello di Serge Aurier, terzino seguito anche dalla Juventus (qui le ultime: Calciomercato Inter: duello con la Juve per Aurier). Per il giocatore potrebbero esserci novità: il PSG in cambio chiede contropartite.

Aurier e non solo: i nomi dell’asse Inter-PSG

La prima di queste è, ormai pare chiaro, Joao Mario. Il centrocampista portoghese arrivato lo scorso anno in nerazzurro per circa 45 milioni di euro è un pallino di Henrique. Nell’operazione potrebbero essere coinvolti altri giocatori. L’Inter, di suo, avrebbe già dei nomi sulla lista… Il primo di questi è ovviamente, dopo Aurier, Angel Di Maria, il cui valore di mercato però eccede sicuramente l’operazione. Molto più fattibile invece l’ipotesi di uno scambio quasi alla pari tra Joao Mario, Aurier ed Adrien Rabiot, centrocampista che i nerazzurri seguono già da un po’ di settimane.

Non è da escludere comunque la possibilità dell’innesto di qualche altro giocatore da parte nerazzurra nello scambio. Samir Handanovic, per esempio, potrebbe essere uno di questi.