Connettiti con noi

Europei

Belgio, Witsel: «Italia? Noi abbiamo qualcosa in più. Lukaku e De Bruyne…»

Pubblicato

su

Axel Witsel, centrocampista del Belgio, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro l’Italia

Axel Witsel, centrocampista del Belgio, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro l’Italia. Le sue dichiarazioni.

ITALIA – «Sono contento di far parte dei ventisei giocatori. Non è stato facile. Sono stato fuori per parecchio tempo, non è stato facile ritrovare la condizione, poi ho giocato le tre gare. Mi sento recuperato e sto bene. L’Italia ha Jorginho, Verratti, ha tanti giocatori di qualità. Gioca un bel calcio e immagino che sarà una bella partita domani sera. Noi cercheremo di rispondere presenti. Loro vogliono il possesso palla, vogliono andare in profondità ma sarà una gara complicata in mezzo. Hanno un grande centrocampo ma non siamo qui per adattarci a loro e credo viceversa. Rimarremo concentrati negli ultimi minuti a differenza del Portogallo dove ci siamo addormentati nel finale. Noi abbiamo più individualità, loro sono una bella squadra e il loro gioco mi piace molto. Quando li ho visti in tv mi sono piaciuti, non sarà una partita facile. Hanno giocatori come Jorginho e Verratti in mezzo che sono molto talentuosi, di gran qualità. Se riuscissimo a fermarli, potremmo fargli male ma non sarà affatto semplice. La gara contro l’Austria dell’Italia deve servirci da esempio, non dobbiamo fare gli stessi errori fatti col Portogallo dove ci siamo disuniti e distratti».

DE BRUYNE E HAZARD – «Stanno meglio, siamo positivi. Non sappiamo se giocheranno ma lo scopriremo domani. Si sentono meglio. Sarebbe meglio se ci fossero, sono due grandi campioni, è chiaro».

LUKAKU – «Abbiamo parlato della partita ma non ci ha detto niente di particolare. Per Romelu sarà speciale, vogliamo fare una bella partita».

NO ALLA JUVENTUS – «In tanti me lo hanno chiesto, io ho preso questa decisione all’epoca scegliendo un altro club ma non ho rimpianti. Se dovessi tornare indietro, farei sempre la stessa scelta».