Juventus: Paratici spinge per il ritorno di Conte con Pirlo vice-allenatore

Juventus: Paratici spinge per il ritorno di Conte con Pirlo vice-allenatore
© foto www.imagephotoagency.it

Possibile il ritorno di Antonio Conte sulla panchina della Juventus in caso di addio di Massimiliano Allegri: Fabio Paratici vorrebbe come nuovo vice-allenatore Andrea Pirlo

La Juventus comincia a pensare ad un eventuale futuro (secondo le voci sempre più possibile) senza Massimiliano Allegri. In caso di eliminazione settimana prossima dalla Champions League, il tecnico bianconero sarebbe pronto a farsi da parte: chi potrebbe arrivare al suo posto? Al momento il nome in pole position resta quello di Zinedine Zidane, vincitore delle ultime tre edizioni della Champions League alla guida del Real Madrid, fortemente sostenuto sia dal presidente Andrea Agnelli, sia da Cristiano Ronaldo. Un altro nome però sta prendendo piede ultimamente: quello di Antonio Conte, già tecnico juventino tra il 2011 ed il 2014 e vincitore di tre Scudetti. Il tecnico leccese, fermo da quasi un anno dopo l’esperienza al Chelsea, sarebbe sponsorizzato in società dal direttore sportivo Fabio Paratici, riporta stamane Tuttosport.

Conte, a differenza di Zidane, potrebbe fare affidamento su una migliore conoscenza del campionato italiano e dell’ambiente bianconero (che il francese, da giocatore, ha lasciato ormai quasi un ventennio fa). Con lui, secondo le indiscrezioni, Paratici potrebbe riportare in bianconero anche Andrea Pirlo: l’ex centrocampista, che attualmente sta prendendo il patentino da allenatore UEFA proprio in virtù di un tesseramento con la Juve, è tra i candidati anche al ruolo di allenatore della Juventus Under 23 in Serie C per la prossima stagione, ma essendo al momento Conte di fatto privo di un vero e proprio vice-allenatore (gli storici collaboratori Massimo Carrera ed Angelo Alessio hanno ormai iniziato una carriera in solitaria), potrebbe essere suggestiva l’ipotesi di portarlo in prima squadra per un periodo di apprendistato analogo tra l’altro a quello svolto da Zidane al Real Madrid al fianco di Carlo Ancelotti dopo il ritiro dal calcio giocato.