Delneri: «La Fiorentina non è solo Thereau»

delneri
© foto Udinese Calcio

Il tecnico bianconero invita i suoi ad avere lo stesso atteggiamento dimostrato prima della sosta contro la Samp. «La strada che abbiamo tracciato è quella giusta».

Impegno importante quello di domani per l’Udinese di Gigi Delneri che, dopo la sosta di campionato, deve riprendere la corsa alla salvezza sul campo della Fiorentina. Il leit-motive del tecnico è uno solo: «dobbiamo avere lo stesso atteggiamento e lo steso carattere avuti nell’ultima partita conto la Sampdoria».

Le certezze per Delneri non sono molte. «A centrocampo gioca sicuramente Barak. L’infortunio di Larsen ci obbliga a schierare Widmer. Sappiamo di rischiarlo, ma non ci sono alternative. Spero che abbia sulle gambe tutti i 90 minuti, ma che comunque regga il più a lungo possibile. Spero poi di poter avere il prima possibile tutti i giocatori a disposizione. Un allenatore sta benissimo quando ha alternative importanti e deve scegliere gli 11 da mandare in campo. E d’altra parte c’è lo stimolo per i giocatori di darsi da fare per giocarsi il posto. Abbiamo giocatori che si sono messi in luce nelle loro nazionali e che stanno crescendo bene».

Poi il tecnico di Aquileia si schiera in difesa di un giocatore che qualche volta è stato criticato, a suo dire, anche senza motivo. «Lopez è tutto l’opposto di quello che era stato detto. E’ un giocatori di esperienza che si mette a disposizione anche dei più giovani. Lui assieme a Danilo e Behrami stanno dando equilibrio al gruppo».

«Mi spiace che manchi Behrami perchè in questo momento per noi sarebbe molto importante per dare equilibrio tattico davanti alla difesa. Ma abbiamo preferito dargli qualche altro giorno di riposo. Sicuramente rientrerà contro la Juventus».

E sono 10 anni che l’Udinese non vince in casa della Fiorentina, una tendenza da invertire. «Il passato non mi interessa molto, il passato è fatto solo per le statistiche. Il campo di Firenze è sempre un campo difficile per tutti. Non vogliamo disperdere quello di buono che abbiamo fatto contro la Samp. E vorrei che venisse sottolineato che noi vinciamo con gli altri non perchè loro sono scarsi, ma perchè noi facciamo qualcosa di buono. Il dato di fatto è che noi contro la Samp abbiamo fatto un’ottima partita. Giocare con quell’intensità e attenzione sono le basi per essere sulla strada giusta. La Fiorentina è una squadra costruita per avere un ranking alto, e ha dimostrato di essere molto attenta, molto precisa. Loro daranno il massimo per ottenere il massimo risultato. Ma noi siamo consapevoli che se proseguiamo sulla strada che abbiamo tracciato nelle ultime partite possiamo ottenere dei buoni risultati».

E domani sarà anche la prima volta contro Thereau. «Noi giochiamo contro la Fiorentina non contro Thereau. Lui ha cambiato maglia ed è giusto che dia tutto per la viola. Se vuole esultare è giusto che lo faccia, perchè il gol è motivo di esultanza. E’ un giocatore importante ma non è l’unico. Ci sono anche Simeone, Babacar, Padelli, Chiesa, Benassi non sono gli ultimi arrivati. E poi hanno anche giocatori di esperienza, sono una squadra di qualità. Mi aspetto dai miei una partita intensa al di là di Thereau».

L’importante sarà non prendere gol. «Voi notate sempre le cose negative. E’ vero abbiamo subito molti gol, ma non mettete in luce le cose positive. La squadra ha sempre fatto gol. E questa cosa va rilevata. E’ un dato positivo che mi fa sperare bene per la prosecuzione del campionato».