Hellas Verona aggredito: 8 Daspo a ultrà dell’Avellino

Hellas Verona aggredito: 8 Daspo a ultrà dell’Avellino
© foto www.imagephotoagency.it

Hellas Verona: brutto episodio ad Avellino per i dirigenti gialloblù accerchiati da un gruppo di vandali

Hellas Verona aggredito: 8 Daspo a ultrà dell’Avellino – 15 febbraio, ore 16.56

Dopo i fattacci di sabato, con l’aggressione ad alcuni dirigenti dell’Hellas Verona, arriva oggi la condanna della Questura di Avellino che ha punito con il Daspo 8 tifosi biancoverdi. Inoltre è stata sospesa per 7 giorni la licenza di pubblico esercizio a un’attività commerciale vicina allo stadio, rea di aver venduto sostanze alcoliche ai tifosi contribuendo all’allentamento dei freni inibitori. Nel pomeriggio dovrebbe poi esserci la conferma del divieto di trasferta per i tifosi dell’Avellino relativa al prossimo impegno esterno contro il Cittadella.

Hellas Verona aggredito: il comunicato dell’Avellino – 11 febbraio, ore 21.30

Dopo i fatti verificatesi quest’oggi durante Avellino – Hellas Verona, la società biancoverde ha voluto condannare l’accaduto tramite un comunicato: «L’U.S. Avellino condanna fermamente l’aggressione perpetrata ai danni dei dirigenti dell’Hellas Verona prima della gara, nel tragitto che conduce allo stadio Partenio-Lombardi. Un gesto vile, da parte di ignoti, che rovina una giornata di sport e che deve far riflettere tutti. Il presidente Walter Taccone, il presidente onorario Michele Gubitosa, i dirigenti biancoverdi, amareggiati e sorpresi dall’accaduto, hanno subito mostrato concreta e sincera solidarietà nei confronti dei dirigenti scaligeri, sin dal loro arrivo allo stadio. Questa società, nel rimarcare in modo netto la propria condanna in merito a quanto accaduto, prende altresì le distanze dal violento episodio che mina la filosofia di assoluta sportività del club e che non rappresenta minimamente lo spirito e l’identità degli sportivi irpini. Un’aggressione da parte di violenti che nulla hanno a che fare con la sana tifoseria biancoverde, che si è sempre distinta per un comportamento civile e corretto, esprimendo valori di fedeltà, sportività e lealtà che non possono essere intaccati da questi atti di teppismo».

Hellas Verona aggredito: le parole di Toni – 11 febbraio

Brutto, bruttisimo episodio si è verificato questo pomeriggio ad Avellino. L’Hellas Verona, capolista della Serie B ha perso per 2 a 0 contro i padroni di casa, ma il calcio giocato passa purtroppo in secondo piano. Poco prima del match infatti la macchina sulla quale viaggiavano il presidente dell’Hellas Setti, e i dirgenti gialloblù Toni e Baresi è stata presa di mira da alcuni vandali. Queste le parole di uno spaventato Luca Toni a Sky Sport: «Stavamo andando allo stadio, il presidente aveva al collo la sciarpa blu quindi magari ci hanno scambiato per tifosi del Verona, non ci hanno riconosciuti. Siamo stati accerchiati da circa 15 persone che hanno iniziato a prendere a calci e pugni la macchina rompendo anche un finestrino con tanto di lancio di bottiglia di vetro che ha colpito il presidente, ma per fortuna solo sulla pancia. Sinceramente non mi so spiegare il perchè di questo gesto vergognoso, io ho avuto molta paura e dispiace che a 20 metri da noi ci fossero dei vigili rimasti immobili».