Lazio, Immobile su Chiellini: «È il difensore più forte mai affrontato»

Lazio, Immobile su Chiellini: «È il difensore più forte mai affrontato»
© foto www.imagephotoagency.it

L’attaccante biancoceleste sui suoi obiettivi: «Voglio andare in Champions League con la Lazio e viverla da protagonista»

Ciro Immobile è stato intervistato da Lazio Style Channel. Numerosi sono i temi affrontati dal capitano biancoceleste.

SULL’ARRIVO ALLA LAZIO – «La trattativa è stata abbastanza veloce, ero al Siviglia in quei tempi e si parlava di andare via già dalla fine del campionato. Sia io che la società abbiamo colto al volo l’occasione offerta dalla Lazio. Con l’addio di Klose è stato tutto più facile, perché c’era un posto vuoto. Certo sostituirlo non è stato un compito semplice. Diciamo che è stata una bella sfida. La mia avventura alla Lazio fino ad adesso è stata più che positiva. Abbiamo vissuto momenti belli e brutti e ci siamo tolti molte soddisfazioni».

SUI GOL ALLA ROMA – «È stata una scena particolare, il mister mi ha accompagnato verso la porta e forse come lui lo hanno fatto tutti i tifosi in quel momento. I gol contro i derby sono sempre speciali, io ne ho fatti quattro finora e mi dispiace che solo due siano stati importanti. I gol che ho fatto in Coppa Italia, però, sono stati delle soddisfazioni importanti».

SULLA CORSA CHAMPIONS – «Mi piacerebbe arrivarci, perché potrei viverla da protagonista e potrei fare qualcosa di importante. Per questo sono doppiamente dispiaciuto per quello che è successo nella scorsa stagione, ma mi ha raddoppiato la carica per questo anno. Il nostro errore non è stato tanto perdere contro l’Inter, ma non vincere contro il Crotone. Lo stesso discorso vale per l’Europa League, saremmo potuti arrivare facilmente in finale».

SUL GIOCATORE PIU’ FORTE AFFRONTATO – «Chiellini per me è il difensore più ostico. È forte e dà tutto in campo».

SU SIMONE INZAGHI – «Con il mister abbiamo un rapporto bellissimo, è qualcosa che non si vede tutti i giorni. Ho avuto da subito la sua fiducia e credo di averla conquistata sia fuori che dentro al campo. Credo che il mister abbia bisogno di quattro o cinque giocatori che nello spogliatoio riescano ad aiutarlo a gestire diverse situazioni».

SUL FUTURO – «Quello della Lazio è un progetto che mi piace e mi appassiona. Non mi piace cambiare, quand’ero al Torino l’ho fatto per arrivare alla Champions. Ora non ho motivo per pensare di andare altrove, la Champions la posso raggiungere con la Lazio».