Icardi: «Inter, qui a lungo». Sulla Nazionale e de Boer…

Icardi inter
© foto www.imagephotoagency.it

Mauro Icardi ha rinnovato con l’Inter fino al 2021: ecco le parole del capitano argentino intervenuto ad uno Store nerazzurro

Pochi minuti fa è arrivata l’ufficialità: Mauro Icardi e l’Inter insieme fino al 2021. Intervenuto ad uno store nerazzurro a Milano, il capitano argentino ha risposto alle domande dei giornalisti presenti: «Simbolo dell’Inter? Per me è molto importante, sono il capitano di questa squadra. E’ un onore ed un piacere rimanere a lungo qui. Obiettivi? Il mio è quello di segnare, un attaccante pensa solo a questo. L’Inter invece vuole tornare in Champions League. Clausola rescissoria solo per l’estero? Bisogna chiedere alla società. Mai pensato un addio in estate? No, mai pensato: ero tranquillo e mi allenavo al massimo. Voglio continuare così, voglio aiutare la squadra a vincere».

CONTINUA ICARDI«Nazionale? Sono decisioni del Ct. Alario è un attaccante giovane, sta facendo bene, mentre Pratto ha segnato tanto ovunque abbia giocato. Quando arriverà il mio momento sarò disponibile per fare gol. Perché sono rimasto all’Inter? Sono arrivato qui a Milano tre anni fa e la maglia nerazzurra è piena di storia, tanti argentini l’hanno indossata prima di me e ne sono onorato. Wanda ha detto che sogno di essere il Totti dell’Inter? In Italia si parla di Totti, Zanetti e Maldini: dei campioni che hanno fatto bene con le proprie squadre. Io sono giovane, non posso promettere di restare 20 anni qua, ma è un obiettivo. De Boer? Ho un buon rapporto con lui, è arrivato da poco ma ci sta trasmettendo la sua filosofia di gioco. E’ un grande allenatore, con lui diventeremo grandi».