Milan, dietro al colpo Paquetà: Leonardo ha sfruttato il suo passato per chiudere l’operazione

leonardo milan
© foto www.imagephotoagency.it

Dietro all’ultimo colpo di mercato, ci sono la figura di Leonardo e i suoi rapporti con il calcio e il mercato brasiliano

Se ancora ci fossero dubbi sull’arrivo di Paquetà, ci ha pensato Leonardo stesso a toglierli, quando in giornata ha dichiarato: «Abbiamo un accordo di base con il Flamengo, ma il mercato riapre a gennaio quindi dobbiamo ancora fare un po’ di strada prima dell’ufficialità, dobbiamo aspettare il 3 gennaio». Non ci sarà l’ufficialità, ma quando Leonardo va in Brasile e chiude un’operazione, bastano una stretta di mano e la parola data. Il dirigente rossonero, infatti, ha ormai un rapporto consolidato con tutte le realtà del calcio brasiliano: sul mercato quando si muove difficilmente sbaglia il colpo.

La capacità di chiudere le operazioni in Brasile, oltre che alle sue innegabili doti manageriali e di talent scout, nascono soprattutto per la rete di contatti che è riuscito a crearsi. Forse in pochi sanno che l’essere cresciuto calcisticamente nel Flamengo, con cui ha giocato dal 1984 al 1990, ha aiutato a chiudere positivamente la trattativa per l’acquisto di Paquetà. L’ultimo colpo di mercato di Leonardo, in questo senso, è paragonabile all’arrivo di Kakà: il trequartista numero 22, infatti, è stato acquistato grazie agli ottimi rapporti del dirigente brasiliano con il San Paolo, altra squadra in cui Leonardo ha militato dal 1990 al 1991, per poi tornare nel 2001.