Connettiti con noi

Azzurri

Nations League: l’Italia della continuità con il jolly Pellegrini

Pubblicato

su

Pellegrini

Le convocazioni di Mancini per la Final Four di Nations League nel segno della continuità rispetto a Euro 2020, con l’aggiunta di Pellegrini

Ufficialmente è scattato il conto alla rovescia verso le attesissime finali di Nations League che potrebbero suggellare il 2021 da sogno dei nostri Azzurri.

Nessuna sorpresa nelle convocazioni del Commissario Tecnico Roberto Mancini, dunque la suggestione Lorenzo Lucca riposta nel taschino per la prossima occasione. A ragion veduta, chiaramente, perché l’opportunità di rimpinguare la bacheca è quanto mai ghiotta.

Mercoledì prossimo contro la Spagna dunque ci sarà spazio pressoché totale ai campioni di Euro 2020, con l’eccezione degli infortunati Belotti, Castrovilli, Florenzi e Spinazzola. Ai restanti ventidue eroi di Wembley si aggiunge la carta jolly, una variabile che potrebbe risultare quanto mai stuzzicante.

Lorenzo Pellegrini è stato tra agosto e settembre il miglior calciatore italiano (e non solo) per rendimento. Gol, assist, giocate geniali e soprattutto una crescita esponenziale in termini di leadership in una Roma di cui non è più semplice capitano, ma ormai punto di riferimento imprescindibile dentro e fuori dal campo. L’assenza forzata nel concitato derby contro la Lazio fa ancora soffrire tremendamente i cuori giallorossi.

E chissà che non diventi anche quel valore aggiunto nella trequarti azzurra, magari a partita in corso per sorprendere le linee nemiche. Anche perché è logico immaginare che il Mancio non transiga, almeno inizialmente, dalla coppia Barella-Verratti ai lati dell’intoccabile Jorginho.

Mercoledì sera al Meazza le prime risposte da una Spagna che tre mesi fa ci mise in enorme difficoltà con il suo palleggio pulito e qualitativamente eccelso. Ma anche con la “genialata” di Luis Enrique che schierò Dani Olmo come falso nueve. Lo stesso coach che ha provocato la cabala, scomodando le parole dello psicologo della Roja per infrangere la lunga serie positiva della nostra Nazionale. Mica ci faremo intimorire da banali mind games?