Pedro Neto scalpita: «Lazio, la scelta migliore. Immobile? Un giocatore straordinario»

lazio-udinese curva maestrelli
© foto www.imagephotoagency.it

In attesa di aver una chance in partite ufficiali, Pedro Neto dimostra tutte le sue qualità nell’amichevole disputata contro il Rocca di Papa

Arrivato alla Lazio gli ultimi giorni di mercato come “sostituto”, insieme a Bruno Jordao e Nani, di Keita, il giovanissimo portoghese Pedro Neto ha dato prova, nella recente amichevole disputata contro il Real Rocca di Papa, delle sue enormi qualità. Il classe 2000, entrato recentemente nella classifica stilata dal The Guardian tra i migliori sessanta talenti pronti a esplodere, ha, infatti, stupito positivamente i molti tifosi accorsi a vedere i giocatori non partiti con le rispettive nazionali. Al termine del match, Pedro Neto è stato intervistato dai microfoni di Record, rilasciando interessanti dichiarazioni.

«Vorrei giocare dieci partite, in modo da poter dimostrare il mio valore e dieci partite il primo anno sarebbero l’ideale. La squadra è molto competitiva e so che devo lavorare molto, ma l’obiettivo principale è quello». Già molto forte il rapporto instaurato con i compagni, soprattutto, quelli portoghesi: «Nani mi ha accolto molto bene con Bruno Jordão. Mangiamo sempre insieme. Dice che per lui è un piacere aiutare i giocatori più giovani e per noi è stato fondamentale in questa fase. Dall’alto della sua esperienza e della sua importanza ci sta aiutando ad integrarci nel gruppo».

Massima ammirazione, poi, per uno dei bomber più prolifici della Serie A, Ciro Immobile: «Quello che ha attirato la massima attenzione è stato Immobile, lui è un grande goleador. Finora ha segnato 13 gol in 10 partite. Non è facile fare molti gol in Serie A perché, come ho detto, le difese sono molto forti. Devi essere qualcuno al di sopra della media». Infine, una battuta sull’interesse del Barcellona, immediatamente decaduto dopo la proposta “da protagonista”, offerta dalla Lazio: «Barcellona sarei andato nella squadra B. Qui sono nella squadra A e ho l’opportunità di crescere di più. È totalmente differente».