Roma, Baldissoni: «Chi sbaglia paga. Ma lo stadio si farà senza ritardi!»

Roma, Baldissoni: «Chi sbaglia paga. Ma lo stadio si farà senza ritardi!»
© foto www.imagephotoagency.it

Dopo l’arresto di De Vito a seguito delle intercettazioni, il vicepresidente Baldissoni rassicura i tifosi della Roma sulla questione stadio

Mauro Baldissoni, vicepresidente esecutivo della Roma, ha rilasciato alcune dichiarazioni su Marcello De Vito, presidente del consiglio comunale della Capitale, a seguito di alcune intercettazioni riguardanti lo stadio. Ecco le sue parole:«Sempre molto spiacevole apprendere una notizia del genere e lo dico da cittadino. Non siamo sorpresi di quanto detto dalla Procura. Il progetto è talmente complesso da essere passato attraverso una procedura amministrativa complessa e lunga da parte di tutte le amministrazioni. Dopo un anno e mezzo di conferenza di servizi è difficile pensare ci possano essere atti viziati, come detto infatti dal PM Ielo. L’approvazione della Conferenza di Servizi è di 15 mesi fa».

Baldissoni rassicura i tifosi, il nuovo stadio della Roma si farà:«Sull’approvazione del progetto, non ci possono essere dubbi e non ci devono essere dubbi. Questo è un diritto acquisito da parte della Roma, abbiamo diritto di vederlo realizzato nel più breve tempo possibile. Gli episodi di cui si parla afferiscono le responsabilità individuali. Speriamo che chi è coinvolto possa provare la sua innocenza. Nel caso contrario, giusto che si paghi per le proprie responsabilità. Ci sono però responsabilità collettive nei confronti di investitori e proponenti, che hanno acquisito dei diritti su un progetto. Un investimento straniero di più di un miliardo deve essere una priorità della città e del Paese. Non siamo preoccupati di alcun ritardo, non ci sono motivi. Speriamo di completare i lavori entro aprile come previsto».

Il commento finale del vicepresidente riguarda James Pallotta:«Jim è un imprenditore di successo ed è tenuto a valutare i pro e i contro di ogni iniziativa. Quello che ha affrontato in questo progetto è andato al di fuori delle sue abitudini e noi dovremo ringraziarlo come cittadini romani e italiani perché Pallotta e gli altri investitori hanno dimostrato di crederci e dobbiamo tutti sentire la responsabilità di questo progetto importante. Nonostante ogni tanto faccia delle valutazioni che possono portare a dubitare dell’opportunità di attendere tanto tempo, è determinato di andare fino in fondo e noi abbiamo la responsabilità di non far cambiare idea a lui e agli investitori».