Sampdoria, risposta social di Quagliarella alle polemiche sul rigore! – FOTO

Sampdoria, risposta social di Quagliarella alle polemiche sul rigore! – FOTO
© foto Valentina Martini

Un rigore dubbio di Quagliarella decide Sampdoria-Cagliari, pioggia di critiche sul web: la punta risponde e attacca Cragno!

La Sampdoria batte di misura il Cagliari grazie al rigore trasformato da Fabio Quagliarella. Sui social però i tifosi di calcio si scatenano: nel mirino c’è la decisione dell’arbitro di assegnare un penalty molto generoso ai blucerchiati. La squadra di Marco Giampaolo, oltretutto, è quella a cui sono stati fischiati più rigori a favore: ben otto. Inoltre, l’opinione pubblica non ha gradito l’esultanza polemica del numero ventisette, che ha gridato in faccia al portiere Alessio Cragno, che cercava di infastidirlo. Arriva pronta la risposta del capitano del club genovese. Ecco le parole della punta, che ha raccontato la sua versione dei fatti con un post su Instagram. Nel mirino c’è il portiere della squadra sarda:

«Con questo post voglio raccontarvi una storia di campo che oggi non si è vista in tv. “C’era una volta un portiere che voleva disturbare un attaccante che doveva calciare un rigore. Il portiere spostò una prima volta la palla dal dischetto. Poi, non contento, disse all’arbitro che la palla non era nel posto giusto. Si perse un po’ di tempo. Ma l’attaccante tirò ugualmente il calcio di rigore. E, come nelle fiabe a lieto fine, fece gol, urlando tutta la sua gioia, ma senza insultare nessuno, dentro e fuori dal campo”. Avrei preferito non fosse accaduto nulla, né prima né dopo l’episodio, ma mi sembrava doveroso chiarire perché sto leggendo cose non del tutto veritiere».

View this post on Instagram

Con questo post voglio raccontarvi una storia di campo che oggi non si è vista in tv. “C’era una volta un portiere che voleva disturbare un attaccante che doveva calciare un rigore. Il portiere spostò una prima volta la palla dal dischetto. Poi, non contento, disse all’arbitro che la palla non era nel posto giusto. Si perse un po’ di tempo. Ma l’attaccante tirò ugualmente il calcio di rigore. E, come nelle fiabe a lieto fine, fece gol, urlando tutta la sua gioia, ma senza insultare nessuno, dentro e fuori dal campo”. Avrei preferito non fosse accaduto nulla, né prima né dopo l’episodio, ma mi sembrava doveroso chiarire perché sto leggendo cose non del tutto veritiere. #forzasamp #sampcagliari

A post shared by Fabio Quagliarella (@fabioquagliarella27_official) on