Serie A, per i diritti tv c’è l’offensiva dal Qatar

Serie A, per i diritti tv c’è l’offensiva dal Qatar
© foto www.imagephotoagency.it

La Lega di Serie A rischia di spaccarsi nuovamente: offerta interessante dall’International Bank of Qatar, ma permangono alcuni dubbi

Ci sono arabi che promettono garanzie bancarie, e in parte anticipi di cassa, per un ammontare di 13 miliardi in 10 anni. E c’è una Lega Serie A che, di fronte a questa offerta, rischia di spaccarsi un’altra volta: le grandi sono contrarie e non lo nascondono, le piccole invece stanno ad ascoltare, evidentemente solleticate da una leva in grado di dare ossigeno a bilanci spesso sofferenti. Ieri, durante la commissione diritti tv, si sono presentati i funzionari di Ernst & Young, che fa da intermediario, e di Comoi, consulente finanziario. La
banca che offrirebbe questo tesoretto è la International Bank of Qatar (Ibq), anche se pare che la firma di quest’ultima non ci fosse ancora e che, solo a riunione conclusa, fosse sopraggiunta una e-mail certificata.

DETTAGLI – I presenti spiegano che si è trattato di una presentazione superficiale e che
mancano ancora alcuni tasselli per appurarne la bontà o meno, a cominciare dalle garanzie. Come riporta “La Gazzetta dello Sport”, l’operazione costerebbe ai club l’1,5­2% di commissioni fisse e il 15% variabili, che scatterebbero oltre la soglia di 1,3 miliardi annui di incassi dai diritti tv. Sì perché le coperture finanziarie della banca qatariota sarebbero relative ai proventi televisivi centralizzati della Lega: la Ibq darebbe le garanzie necessarie per consentire alle società di scontare i crediti dei contratti tv e, in caso, potrebbe agire essa stessa come istituto di fattorizzazione (appunto di anticipazione dei crediti) fino al 50% del valore dei diritti tv per due anni.

DIVERGENZE – Le informazioni non sono ancora esaurienti, ma in Lega già ci si interroga sulla convenienza di legarsi a un soggetto terzo per dieci anni con il rischio di strozzare le proprie prospettive di crescita in cambio di un minimo garantito. Dubbi, per la verità, già affiorati nel momento in cui ci si è legati a Infront, che non opera solo come advisor ma promette anche una garanzia di risultato, fino al 2021. Di sicuro le varie Juventus, Inter, Roma, Napoli, Fiorentina sono scettiche e temono proprio un secondo «caso» Infront. C’è chi fa pure notare i rapporti tra la Infront dell’era Bogarelli e Comoi Group, emersi nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Milano. Ma i club piccoli vogliono approfondire il discorso, consapevoli dei vantaggi derivanti da una garanzia  finanziaria a lungo termine. Intanto, il 4 gennaio si terrà l’assemblea di Lega per  l’approvazione dell’invito a offrire dei diritti domestici. Si punta al miliardo e si agitano due spauracchi di fronte a Sky e compagnia: gli intermediari finanziari (al plurale) e il canale della Lega.