Serie A: il Palermo espugna Roma, 2-3 e super Hernandez

© foto www.imagephotoagency.it

Parte male l’era della Roma targata DiBenedetto, con una sconfitta casalinga contro il Palermo che rischia di tagliare fuori la squadra giallorossa dalla rincorsa al quarto posto, posizione fondamentale per costruire già  dal prossimo anno una squadra in grado di competere ai massimi livelli.

Dopo un primo tempo deciso da due rigori piuttosto dubbi, trasformati rispettivamente da Totti e Pinilla, nella ripresa è la Roma a prendere in mano il pallino del gioco ed a rendersi pericolosa più volte, con un Menez particolarmente ispirato che prova a prendere in mano la squadra. E’ proprio il francese a scattare bene in contropiede al 61′ e mette davanti alla porta Mirko Vucinic che, a porta vuota, sbaglia incredibilmente un gol già  fatto.

Come accade spesso nel calcio, dopo un gol sbagliato spesso ne arriva uno subìto, ed è Abel Hernandez a castigare i padroni di casa dopo un contropiede condotto perfettamente da Pastore e Pinilla e poi concluso dall’uruguagio con un semplice tap-in. Il sudamericano riesce poi a raddoppiare e siglare il terzo gol del Palermo a due minuti dalla fine con una prodezza. Nel finale però succede di tutto e l’azione successiva porta al gol di Mirko Vucinic, il quale lascia partire un gran diagonale su assist di Borriello e fulmina così Sirigu, riaprendo la partita nel finale, ma i tre punti alla fine vanno ai rosanero.