Serie A, la svolta: sì a media company e fondi. Le parole di Dal Pino – VIDEO

Paolo Dal Pino, presidente della Lega Serie A, ha parlato della decisione presa dai venti presidenti del massimo campionato

Paolo Dal Pino, presidente della Lega Serie A, ha parlato della decisione presa dai venti presidenti del massimo campionato su media company e fondi.

«Abbiamo deliberato di lavorare alla costituzione con un partner di private equity. Le condizioni devono certo essere verificate al cento per cento e siamo a buon punto per quelle che sono le varie tematiche e progettualità. Ci saranno perciò una serie di comitati tecnici, con tempi abbastanza rapidi. Il calcio è entertainment, il contenuto forse più amato dai telespettatori e la Serie A è questo media. Parlando con i manager di importanti media internazionali, ho capito che bisogna che ci si impossessi del proprio destino e per farlo servono investimenti in risorse e nuove strutture. E’ una sfida colossale, la tecnologia ha cambiato tutto, la fruizione dei contenuti è mutata anche solo rispetto a un anno fa, il marketing ha subito una vera rivoluzione. La Lega per tanti anni ha lavorato con intermediari, ora il valore deve stare in casa. Ci siamo chiesti: questo passo lo facciamo da soli o con un partner? Abbiamo dimostrato di avere difficoltà di governance e la mia esperienza manageriale, ma anche quella dei presidenti, dice che da soli non siamo in grado di farlo. In più la nostra lega dieci anni fa era seconda in Europa, poi è arretrata alle spalle di Bundes e Liga. Oggi abbiamo bisogno di stabilità finanziaria perché il momento è complicato, serve trasformarsi rapidamente, la cultura aziendale è la cosa più importante e noi non ce l’abbiamo. Il debito in Lega è inammissibile. Personalmente sono orgoglioso di essermi confrontato con sei dei più importanti player di private equity al mondo. La mia visione è identica a quella di Aurelio (De Laurentiis, ndr). I presidenti si sono uniti nello stesso cammino, sono responsabili e così trovare il consenso unanime è stato semplice. Visto lo stato attuale delle cose è difficile pensare che qualcuno remi contro».