Serie C: è un Catania “ammazzacampionato”. Cinque perle per Sottil… e non è finita!

Serie C: è un Catania “ammazzacampionato”. Cinque perle per Sottil… e non è finita!
© foto www.imagephotoagency.it

La dirigenza siciliana sta imbastendo una rosa di primo livello per conquistare la vittoria nel prossimo campionato di Serie C. Dopo Silvestri, Ciancio, Llama, Angiulli, Vassallo e Marotta, a breve potrebbero arrivare Calapai ed uno tra Giannone e Maiorino. In uscita Bogdan, Barisic, Tedeschi, Semenzato, Pozzebon e Ripa. Il Catania punta a dominare il girone C ed abbandonare una categoria che non le compete.

Dopo l’arrivo a Catania del nuovo tecnico Andrea Sottil, le prime operazioni di mercato messe a segno dalla società siciliana la pongono obbligatoriamente come squadra favorita al successo finale del girone C della Serie C. Una scelta quasi imposta per la dirigenza etnea che, dopo aver centrato i Play Off negli ultimi due campionati (fermandosi alle semifinali nell’ultima edizione), è chiamata a dover sostenere importanti investimenti per abbandonare un campionato di terza serie che non permette guadagni nonostante il club etneo abbia potuto contare su numeri di presenze di pubblico lusinghieri anche per una squadra di Serie A.

SCELTE OBBLIGATE – Dopo aver rincorso il Lecce tutto un campionato ed aver perso la corsa alla finale contro il Siena, il Catania non può più sbagliare: serve chiudere al primo posto. Non ha fatto misteri durante le recenti conferenze stampa l’amministratore delegato etneo Pietro Lo Monaco. Un club blasonato come quello rossazzurro ha il dovere di abbandonare una categoria che non le compete e per farlo la società di Via Magenta ha già imbastito le linee base per mettere a disposizione di Sottil una squadra che, se non merita l’etichetta di “ammazzacampionato”, poco ci manca… Ogni reparto merita una dettagliata analisi, fermo restando che qualcosa ancora arriverà.

IL GUARDIANO DI PORTA – La prima grande operazione è aver blindato il portiere Mattia Pisseri, estremo difensore che continua a giocare su ritmi lusinghieri, tanto da attirare l’attenzione di società di Serie A. Ma il Catania non lo molla e la difesa del fortino ci sarà ancora il 26enne parmense. Svincolatosi il secondo portiere argentino Miguel Angel Martinez, arriva in Sicilia il croato Zlatko Solcic, classe ’96, proveniente dal Hrv Dragovoljac, club di seconda divisione croata. L’operazione non è ancora ufficializzata, ma si tratterebbe di una mera formalità. A fare il terzo sarà Damiano Fabiani, utilizzato finora nel campionato Berretti.

UN FORTINO BEN PROTETTO – Aria di rinnovamento per la linea difensiva, ancorché, salvo offerte irrinunciabili, dovrebbero restare ai piedi dell’Etna, Ramzi Aya, Edoardo Blondett e Dragan Lovric. Il primo arrivo in casa etnea è stato il centrale Tommaso Silvestri proveniente dal Trapani. Cresciuto nelle giovanili della Juventus e protagonista anche a Viareggio e Spal, il classe ’91 metterà la sua esperienza a disposizione di Sottil. L’altro arrivo importante è Simone Ciancio dal Lecce. Corteggiato dall’Ascoli, l’ex calciatore salentino ha deciso di accettare le lusinghe del Catania, permettendo alla squadra etnea di avere un esterno di qualità. Partito Antonio Porcino al Livorno, sono destinati a lasciare la Sicilia, forti delle tante richieste anche in cadetteria sono Luka Bogdan (piace a Livorno e Salernitana), Luca Tedeschi (Alessandria e Pro Vercelli) e Daniel Semenzato (Pordenone). Prossimo alla rescissione contrattuale Giovanni Marchese, quest’ultimo verrà rimpiazzato dal ritorno dell’argentino Cristian Llama. Reduce dai successi acquisiti nel Gimnasia y Esgrima de Mendoza, Llama potrà essere utilizzato sia a centrocampo che come terzino sinistro con spiccate funzionalità offensive. Faranno parte del gruppo anche i giovani Samuele Bonaccorsi, Mario Noce e Davide Biancola. Ma le novità nel reparto non sembrano finite ed ultimamente circola la voce di un interesse del Catania per Leonardo Blanchard dell’Alessandria. Possibile uno scambio di difensori, mettendo sul piatto Tedeschi. In dirittura d’arrivo il possibile ritorno in rossazzurro di Luca Calapai, ex Primavera del Catania, oggi in forza al Carpi.

ANGIULLI-VASSALLO, CHE COLPI! – Il centrocampo etneo potrà contare sugli inamovibili Francesco Lodi, Marco Biagianti, Kalifa Manneh e Rosario Bucolo, mentre restano in stand by le posizioni di Giuseppe Fornito e Cristian Caccetta, con quest’ultimo che potrebbe andare alla Ternana dopo il prestito appena cessato al Pordenone. Il Catania ha già centrato due importanti operazioni per il reparto (se si considera la duttilità di Llama): dalla Ternana è arrivato il centrale Federico Angiulli, tre reti nella stagione passata in Umbria, mentre come ala esterna il club etneo ha ufficializzato il colpo Andrea Vassallo in prestito dal Bologna. Estremamente confusa la situazione di Andrea Di Grazia che rischia di restare bloccato in tribuna se non provvederà a rinnovare il contratto con i rossazzurri in scadenza il prossimo giugno. Anche se il Catania ci sta lavorando, appare difficile un ritorno di Giuseppe Rizzo. La Salernitana ha fatto sapere che il giocatore non rientra nei piani dei campani ed il Padova neopromosso è alla porta. Se il calciatore dovesse tornare in C, il Catania sarebbe la prima scelta. Tanti sondaggi per l’esterno Maks Barisic: sullo sloveno c’è vivo l’interesse di Brescia, Ascoli e Padova, ma per ora si parla solo di rumors. Se Barisic saluta, il primo sulla lista per rimpiazzarlo è Luca Giannone del Pisa. Completano il reparto il giovane Alessio Rizzo (reduce dall’esperienza al Union Feltre), Alfonso Sessa (Sancataldese) e Giacomo Graziano (Rieti), ma qualcuno di loro probabilmente andrà a farsi le ossa altrove.

AD AFFIANCARE CURIALE SARA’ MAROTTA – Il reparto offensivo è quello più complesso: rientrato alla base Demiro Pozzebon dopo la deludente esperienza con la Triestina, la punta 29enne difficilmente resterà a Catania. Medesimo discorso per Francesco Ripa, scommessa persa dal club etneo nell’ultima stagione. Un fallimentare campionato (appena 6 reti e 3 assist in 27 gare giocate) inducono la società rossazzurra a mirare alla cessione dell’attaccante. Su Ripa c’è il forte interesse di Casertana e Reggina, ma i campani appaiono in vantaggio. Rescisso il contratto che legava Andrea Russotto agli etnei, dopo stagioni condite più da bassi che da alti. Inamovibile il capocannoniere Davis Curiale, ad affiancarlo sarà Alessandro Marotta, ex Siena che con le sue reti ha trascinato i bianconeri fino alla finale Play Off persa contro il Cosenza. Completa il reparto Mattia Rossetti, con la speranza che la seconda punta possa aver smaltito i postumi dei tanti infortuni che lo hanno messo fuori dai giochi per tutta la stagione. Per completare il vertice offensivo non è mistero l’interesse per il trequartista del Livorno, Pasquale Maiorino.