Spal, Petagna inarrestabile: ritrova continuità e gol. Pronto per una big?

Spal, Petagna inarrestabile: ritrova continuità e gol. Pronto per una big?
© foto www.imagephotoagency.it

Lo definivano un attaccante che aiuta la squadra ma non segna: Petagna smentisce tutti sul campo, ora non si ferma più: big avvisate

Quest’estate la Spal ha scelto di scommettere su Andrea Petagna per l’attacco. La punta era stato etichettato dall’opinione pubblica come un attaccante che aiuta la squadra ma segna troppo poco. Chissà cosa hanno da dire adesso i suoi detrattori: con il gol segnato su rigore contro il Sassuolo,  il numero trentasette sale a quota 10 reti stagionali. La quinta segnatura consecutiva gli permette di superare nomi importanti nella classifica marcatori: Mauro Icardi, Edin Dzeko, Stephan El Shaarawy, Lorenzo Insigne, Mario Mandzukic, Andrea Belotti… la lista è lunga. Oltretutto, bisogna considerare che gran parte di questi campioni milita in top club del campionato italiano, o comunque in squadre con ambizioni maggiori rispetto ai ferraresi. L’attaccante vive il suo miglior momento da professionista per prestazioni e reti. La domanda sorge spontanea: Petagna è pronto per una big?

Molte big italiane potrebbero cambiare molto davanti in estate: prima fra tutte l’Inter, che può salutare Icardi in estate per dare fiducia a Lautaro Martinez e investire i soldi del cartellino dell’argentino in altri reparti. In questo scenario, l’ex atalantino potrebbe coesistere col Toro o fargli da vice. Stesso discorso per quel che riguarda la Roma in caso di addio di Dzeko, ma qui le possibilità di raccogliere una maglia da titolare sono maggiori, a meno di un esplosione di Patrik Schick.

Anche il Napoli può bussare alla porta della Spal: il giocatore è abituato a giocare nell’attacco a due tanto caro ad Carlo Ancelotti, e andrebbe a rilevare Inglese, per cui il Parma è pronto a investire parecchio per trattenerlo. Infine, non è da escludere neanche un clamoroso ritorno al Milan: in rossonero può far rifiatare Krzysztof Piątek al posto di Patrick Cutrone. L’attaccante italiano non gradisce il ruolo attuale di seconda scelta e minaccia di andar via, magari proprio all’Atletico Madrid.