Spal, c’è l’accordo per ristrutturare lo stadio

Spal, c’è l’accordo per ristrutturare lo stadio
© foto www.imagephotoagency.it

La Spal sigla un accordo con il Credito Sportivo e il Comune per la ristrutturazione del “Paolo Mazza”. Il presidente Mattioli: «Un successo importante»

Siglato ieri a Roma l’accordo tra Spal e Credito Sportivo relativo ai lavori di ristrutturazione e restyling dello stadio Paolo Mazza per un costo di 4,6 milioni di euro, di cui 2,6 a carico della società ferrarese, che dall’ICS ha ottenuto un finanziamento di 1,8 milioni. L’impegno economico della parte rimanente se l’è accollato il Comune, principalmente derivato dall’aumento a 1,650 lux dell’impianto di illuminazione.

OBIETTIVO REALIZZATO – La maggior parte dei lavori è già stata portata a termine con una frenetica attività durante l’estate, per ottemperare a quanto previsto dalle normative della Lega Calcio e  ottenere l’iscrizione alla serie A. «Riuscire a evitare di giocare gare lontano da Ferrara è stato per noi come vincere un altro  campionato – spiega il presidente della Spal Walter Mattioli, dopo aver ringraziato il presidente dell’ICS Paolo D’Alessio e Andrea Abodi -. Tornati in serie A dopo 50 anni, dovevamo consentire ai nostri tifosi di seguire le partite della Spal nel loro stadio».

MODIFICHE – La capienza è stata portata a 13.020 posti, con la costruzione della nuova curva ospiti e la riapertura della gradinata, chiusa da anni, con tutti posti a sedere. Nuove le poltrone e i seggiolini della tribuna. Uno stadio all’inglese con gli spalti ad un passo dal terreno di gioco e ormai privi di barriere. Nuove aree hospitality e maxi-schermo. «E siamo convinti – dice il presidente Mattioli, secondo quanto riportato da “La Gazzetta dello Sport” – che ci attenderà un’altra estate impegnativa, perché dovremo portare la capienza a 16.000 posti». Come dire che il presidente della Spal è certo che la sua squadra conquisterà la salvezza…