Spalletti pre-Parma: «Icardi titolare? Vedremo. Totti non mi ha invitato? Gli farò una sorpresa»

spalletti inter
© foto www.imagephotoagency.it

Luciano Spalletti, allenatore dell’Inter, ha parlato in conferenza stampa presentando il match di domani contro il Parma

Luciano Spalletti vuole una vittoria contro il Parma per festeggiare al meglio il ritorno in Champions League dell’Inter. Il tecnico ha presentato così la partita di domani (fischio d’inizio ore 15): «Non ci sono particolari novità. Icardi? Dobbiamo vedere la reazione e i dati per capire al meglio la formazione. Qualcuno si è allenato solo stamattina e dobbiamo anche considerare le due partite ravvicinate. Var? Io sono d’accordo al 100% con questo metodo e lo vedrei bene anche in Europa ma il presidente dell’Uefa su un uso in futuro, è chiaro che c’è da fare un tragitto per essere preparati a utilizzarlo. Turnover? Abbiamo un numero di calciatori con cui poter affrontare questi periodi in cui si gioca ogni tre giorni ma bisogna fare delle valutazioni partita dopo partita. Mi aspetto grande maturità professionale da parte di tutti, mi aspetto grandi motivazioni dai miei calciatori, sia per la Champions che per il campionato».

Ancora Spalletti, tecnico dell’Inter: «Mi aspetto che i miei calciatori abbiano motivazioni, per come l’hanno aspettata, per quel che sarà una dimensione non vissuta precedentemente. Dobbiamo sicuramente evitare di farci limitare dal timore della novità, dobbiamo puntare sulle nostre qualità. Non sono invitato alla presentazione del libro di Totti? Gli farò una sorpresa (ride, ndr). Comunque lo leggerò come ho sempre fatto anche in passato. Mi dispiace un po’ se dovesse essere così, ma ognuno deve scegliere per sé. Parma? E’ una squadra che conosce il nostro campionato ed è una società che ha vissuto momenti gloriosi. Hanno giocatori importanti come Bruno Alves e Inglese, hanno Gervinho. Mi aspetto un Parma con due esterni molto rapidi, pronti a far male in campo aperto e noi dovremo bravi a comandare la partita e stare attenti alla perdita di palla. Lautaro? Non so se tornerà col Tottenham vedremo. Lista Champions? Dovevo scegliere tre calciatori scelti tra Dalbert, Vecino, Gagliardini, Joao Mario, Skriniar e Nainggolan. Dovevo sceglierne tre. Gagliardini è un grande calciatore e non lo boccio, anzi giocherà domani. Joao Mario? Può trovare spazio come gli altri».