Fabregas: «Juve o Inter? Conte non mi ha cacciato»

362
fabregas spagna chelsea
© foto www.imagephotoagency.it

Fabregas, accostato a Juventus e Inter, nega la possibilità di addio al Chelsea: «Io conto su Conte e lui conta su di me». Bianconeri in trattativa per Cuadrado: oggi può essere il giorno decisivo

Il suo nome in questi giorni ha riempito le cronache di mercato: Cesc Fabregas sarebbe fuori dai piani di Antonio Conte al Chelsea e, su di lui, ci sarebbero la Juventus e, notizia delle ultime ore, anche l’Inter. Verità o bugia? Per il momento ieri il giocatore spagnolo si è limitato a negare: «Contrariamente a quanto scritto, io e l’allenatore abbiamo un ottimo rapporto e lui non mi ha mai detto di andarmene – le parole di Fabregas riportate dal Sun stamane – . Conte mi ha detto che conta su di me ed io conto su di lui. Continuerò a combattere per questo club fino alla fine e, quando sarò chiamato in causa, darò sempre tutto me stesso. Sono concentrato solo sul Chelsea ed il mio unico obiettivo è vincere qui».

MERCATO JUVENTUS: GIORNO DECISIVO PER CUADRADO – In ogni caso oggi Juventus e Chelsea torneranno a parlare: l’argomento principale sarà quello relativo a Juan Cuadrado. L’esterno colombiano, già l’anno scorso in prestito alla Juve, spinge per tornare in bianconero. Al momento l’offerta juventina resta quella del prestito secco, riporta Sport Mediaset, anche se i Blues vorrebbero disfarsi del giocatore solo a titolo definitivo. Per il centrocampo occhio a Luiz Gustavo (Wolfsburg), valutato 15 milioni di euro circa, poi a Axel Witsel (Zenit San Pietroburgo) e Blaise Matuidi del Paris Saint-Germain, che ha giocato solo venti minuti nel corso della sfida col Monaco e che, nonostante le smentite, può partire.

Michele Ruotolo
Classe '88, capo-redattore e responsabile editoriale di Calcionews24. Spesso mi contraddico.
Condividi
Articolo precedente
Genoa juric pescaraBiraschi – Genoa: è fatta, all’Avellino un bonus
Prossimo articolo
calciomercato chievo balotelli osvaldo dionisi cianiBalotelli – Napoli: Raiola lo offre, ma arriva il no