Chievo, Spolli: «Belotti? Non ho paura»

36
spolli belotti torino allarme attacco
© foto www.imagephotoagency.it

Nicolas Spolli, baluardo difensivo del Chievo Verona, ha detto la sua in vista della difficile sfida contro il lanciatissimo Torino

AGGIORNAMENTO – Il difensore ha parlato della anche della ‘quota salvezza’: «Non so se si abbasserà, noi dobbiamo comunque pensare ad arrivare a 40» le sue parole a L’Arena. Differenze tra Mihajlovic (suo allenatore a Catania) e Maran? «Il primo mi ha trasmesso certi concetti e ha sempre avuto un gran carattere. Maran mi trasmette fiducia, lui non dà niente per scontato. Due allenatori importanti». La linea alta di Maran è per Spolli una certezza in più: meglio giocare lontano dalla porta. Sul compagno di squadra Castro: «Il ‘Pata’ non ha ancora raggiunto il suo tetto massimo, è un giocatore moderno in grado di ricoprire più posizioni, contando che nel suo ruolo è tra i migliori della Serie A». Per il mercato di gennaio, Spolli non si pone domande, sta bene al Chievo e vuole restarci.

Nicolas Spolli è stato protagonista della press conference odierna in casa Chievo Verona: «Il mister fa delle scelte che vengono, sempre, rispettate. In questo periodo sto giocando di più, e non può che farmi piacere. Poi cerco sempre di allenarmi bene, dare il massimo e mettermi a disposizione dell’allenatore. Belotti? Non ho paura di affrontarlo, ma bisognerà stare attenti perchè è in forma e sta dimostrando le sue qualità. Sarebbe sbagliato pensare già al match successivo a quello del Torino. Non è mai scontato arrivare a 40 punti in A».
SPOLLI DIXIT – Il difensore prosegue così nella sua disamina personale: «Questo gruppo ha una cultura del lavoro davvero importante, non mi ricordo una prestazione negativa di qualche elemento della rosa. Forse solo contro il Crotone sbagliammo l’approccio al match. Meriti Maran? Una squadra senza il suo allenatore non va molto avanti, così come viceversa. Lottiamo, soffriamo, ora, però, dovremo provare a difendere con una linea più alta. Ma non dimentichiamoci che in campo ci sono anche gli avversari. Izco? E’ in crescita costante, sarà fondamentale ritrovare minutaggio in campo» conclude il centrale difensivo ex Catania.

Condividi