Di Vaio sul futuro: «Ripartiamo da Donadoni e dai nostri giovani»

Bologna
© foto www.imagephotoagency.it

Il Bologna ha battuto l’Udinese 4 a 0 e Marco Di Vaio ha parlato del mercato del club rossoblù, di Donadoni ma anche della sfida tra Monaco e Juventus

Salvezza aritmetica per il Bologna che ha battuto l’Udinese per 4 a 0. I rossoblù ora potranno iniziare a programmare la nuova stagione e secondo Marco Di Vaio, sulla panchina dei rossoblù ci sarà ancora Roberto Donadoni. Queste le parole del team manager a “Radio Anch’io Sport“: «Siamo contenti del presidente Saputo perché ha dato il futuro a un club con una grandissima storia come il Bologna. Futuro? La volontà è quella di ripartire con Donadoni. Ora che abbiamo messo in cassaforte la salvezza inizieremo a programmare insieme. Problema stadio? I lavori inizieranno tra un paio d’anni e l’anno prossimo rimarremo sicuramente al Dall’Ara e poi troveremo la soluzione migliore per la proprietà e per il Comune. Il presidente ha investito più di 100 milioni nel club, ha preso una società che era quasi fallita e 40 di questi 100 milioni sono serviti per risanare i debiti precedenti. A livello tecnico c’era veramente poco e sono stati investiti 50 milioni per ingaggiare dei giovani e ora bisogna avere pazienza e siamo passati dal non avere quasi nessun giocatore di proprietà all’avere tutti i calciatori di nostra proprietà. Nel frattempo il club ha acquistato anche il centro di Casteldebole, e speriamo in questo modo di riportare in alto il Bologna. Mercato? La volontà è quella di dare continuità tecnica e di continuare con i nostri giocatori per permettergli di crescere ancora perché quest’anno abbiamo visto solo a sprazzi questi ragazzi e siamo convinti che l’anno prossimo potremo ripetere partite come quelle di ieri, aggiungendo sicuramente dei nuovi innesti».

LE PAROLE DI DI VAIO SU MONACO vs JUVENTUS – Questo invece il commento su Monaco-Juventus (da calciatore ha vestito le due maglie): «Non credo che la Juve sottovaluterà i monegaschi ma sicuramente i bianconeri troveranno delle difficoltà perché si tratta sempre di una semifinale di Champions League. La mia avventura al Monaco non fu buonissima. Finché ci fu Guidolin la mia annata fu discreta, giocai tutte le partite e poi nella nuova stagione, con l’addio di Guidolin, non feci bene e a gennaio tornai in Italia con il Genoa. Marco Simone dice che il Monaco è favorito? E’ una squadra complicata da affrontare perché hanno tutto da guadagnare ma non li vedo come favoriti, credo che la favorita sia la Juve perché è la più forte». Chiosa sul caso Muntari e sul derby: «Gli scemi purtroppo continuano ad esserci ma ho visto dei miglioramenti nel mondo del calcio perché c’è stata anche una gran parte dei tifosi che si è dissociata ma credo che si potrà continuare a crescere ancora. Derby Roma-Lazio? L’ho visto e sono contento per la mia ex squadra, faccio i complimenti a Simone Inzaghi. Totti? E’ normale avere spazio a 40 anni, credo se ne sia reso conto anche lui».

Condividi