Emre Mor all’Inter: l’assurda richiesta di Ozcan, il procuratore risponde

emre mor turchia
© foto www.flickr.com

La trattativa per il trasferimento di Emre Mor all’Inter si è complicata nelle ultime ore, complice la richiesta di Muzzi Ozcan alla società neroazzurra. L’agente, però, risponde – 12 agosto, ore 18.50

Tirato in ballo per via delle commissioni, Muzzi Ozcan ha deciso di dire la sua sull’affare Emre Mor per l’Inter. «In questo periodo su di me e sul mio assistito è stato scritto molto. Smentisco fermamente gli articoli che collegano il lento procedere della trattativa alle commissioni per gli agenti. Non c’è niente a che vedere con le commissioni. Consiglio ai giornalisti di controllare meglio le fonti da cui prendono le notizie. Valuteremo le offerte e nei prossimi giorni prenderemo una decisione» ha scritto Ozcan sul suo profilo di Twitter. Si attendono novità, dunque.

Emre Mor all’Inter: l’assurda richiesta del procuratore

In questa pazza sessione estiva di calciomercato, procuratori come Mendes e Raiola “sguazzano” che è un piacere. All’elenco degli agenti protagonisti dell’estate va aggiunto il turco Muzzi Ozcan. Dal post della vignetta in cui era ritratto lui stesso mentre rincorreva Emre Mor con la maglia neroazzurra alla richiesta fatta proprio ad Ausilio e Sabatini. Premium Sport, infatti, rivela che l’incedere incerto della trattativa non è da addebitarsi all’inserimento di altri club bensì proprio a Ozcan. L’agente turco, nonostante le smentite, pare abbia chiesto all’Inter ben 5 milioni di euro di commissione per l’operazione. Da qui l’irritazione neroazzurra e le successiva complicazioni quando l’affare sembrava fatto con la formula del prestito biennale ed obbligo di riscatto fissato a 15 milioni di euro. Così, come evidenziato da La Gazzetta dello Sport, l’Inter avrebbe perso la pazienza e avrebbe fatto sapere alla dirigenza di essere propensa ad eliminare il nome di Emre Mor dalla lista degli obiettivi. Nel mentre, però, il weekend e Ferragosto potrebbero essere la panacea a tutti i mali, rasserenando le parti in causa e dando il “la” a nuovi contatti nei prossimi giorni.

Condividi