Fiorentina, Badelj sacrificato per comprare un’ala?

90
badelj fiorentina rinnovo
© foto www.imagephotoagency.it

il recente cambio di modulo da parte di Sousa prevede l’impiego di meno centrocampisti. Il croato potrebbe essere ceduto e i soldi reinvestiti nell’acquisto di un’ala

Paulo Sousa ha recentemente cambiato il suo piano tattico alla guida della Fiorentina. Il tecnico portoghese ha accantonato la difesa a tre per passare al 4-2-3-1 e i risultati sembrano dargli ragione, poiché la squadra sembra trovarsi più a suo agio col nuovo ‘vestito’. Il nuovo modulo prevede l’impiego di meno centrocampisti a protezione del reparto difensivo, per cui potrebbe cambiare qualcosa anche sotto l’aspetto delle logiche di mercato.

BADELJ VIA PER UN’ALA – A conferma di questa tesi vi è l’indiscrezione lanciata dai colleghi del Corriere Fiorentino oggi in edicola, secondo cui il cambio di modulo da parte portoghese porterà la dirigenza della Fiorentina a cercare un’ala destra nel mercato di gennaio. E’ in quella posizione, che attualmente può essere ricoperta solo da Cristian Tello e dal giovane Chiesa, che andranno concentrati i principali sforzi in sede di mercato per trovare delle alternative all’altezza, visto che Zarate sembra preferire agire per vie centrali. A fare le spese di queste nuove logiche del progetto tattico viola potrebbe essere un centrocampista, e il principale indiziato è Milan Badelj, sia per questioni di natura tattica, sia per motivazioni economiche. Il contratto del croato, infatti, va in scadenza nel 2018 e viste le difficoltà nel rinnovo i viola stanno seriamente pensando di venderlo per evitare il progressivo deprezzamento del cartellino con l’avvicinarsi della scadenza. Alla finestra c’è il Milan di Montella: il tecnico campano è da sempre un grande estimatore del centrocampista croato. Per il cartellino di Badelj, tuttavia, i viola chiederanno non meno di 10 milioni di euro, una cifra non proprio a buon mercato, ma che potrebbe comunque essere coperta dalla nuova dirigenza cinese in seno alla società rossonera.

Condividi