Milan, un mercato da sogno è possibile

montella mirabelli milan
© foto www.imagephotoagency.it

I tanti acquisti del Milan hanno sollevato più di un dubbio, ma due elementi saranno fondamentali per rientrare delle spese di quest’estate

Il Milan non si ferma più: dopo i primi sette acquisti – già tanti in un’estate di rivoluzione – è arrivato Bonucci e comunque si punta anche un attaccante di grido, con un range che va dal sogno Aubameyang alla possibilità Kalinic, passando per la speranza Belotti. Ovviamente, però, c’è chi si pone più di una domanda sulle possibilità economiche di questa nuova proprietà rossonera: tra ingaggi e spese di trasferimento, il Milan ha già superato i 200 milioni di spesa (contro i 150 previsti dal budget di mercato). L’arrivo di una super-star davanti spingerebbe questa cifra ancora più lontano: ma com’è possibile, visto che il Milan è tutto sommato una società con un deficit notevole? Secondo quanto riportato da “Il Corriere dello Sport“, è importante fare una distinzione tra ciò che verrà pagato immediatamente e ciò che verrà versato successivamente.

Molti cartellini non verranno pagati subito, ma la somma sarà dilazionata nel tempo: per ora si pagheranno le prime rate e i prezzi corrispondenti ai prestiti onerosi di Bonucci e Kessié. Una base da 77 milioni di euro – 55 dovuto a dei bond emessi e poi sottoscritti da Elliott, più 22 di aumento di capitale – hanno avvicinato Fassone e Mirabelli a questa miriade di operazioni. Certo, gli investimenti andranno coperti e non basterà il mero ingresso in Champions League, perché questo è valutato in 50 milioni di euro. Quindi il benessere economico del Milan passa anche dall’espansione del brand in Cina, altrimenti potrebbero esserci guai più seri.

Condividi