Le tre leggi di ‘Mosè’ Allegri

allegri juventus
© foto www.imagephotoagency.it

La Juventus segue i dettami di Massimiliano Allegri. Il tecnico detta le proprie tavole della legge alla formazione bianconera

La Juventus si gode il ritrovato sorriso di Gonzalo Higuain. Proprio il Pipita è uno spunto per inviare un messaggio generale ai naviganti: alla Juventus si fa così, poche storie! Massimiliano Allegri è il leader indiscusso del gruppo bianconero e la società juventina ha lanciato un altro chiaro messaggio prima dell’inizio della stagione scegliendo il tecnico e cedendo Leonardo Bonucci, il principale ‘oppositore’ di Max (il rapporto tra i due, si sa, non era più idilliaco). Secondo “Tuttosport” sono tre le leggi principali dettate da Max.

La prima legge riguarda il gruppo: tutti importanti, nessuno è indispensabile. E’ questo il messaggio recapitato dall’allenatore al gruppo con la doppia panchina a Higuain. «Ognuno di noi deve trovare motivazioni forti, bisogna alzare l’asticella. C’è grande competitività e se non rendi vai in panchina». La seconda legge riguarda l’ambizione: «Ognuno di noi deve rimettersi in discussione. Quello che è stato fatto l’anno scorso e in precedenza rimane negli annali però ogni anno bisogna ripartire da zero». La terza è la legge dell’amor proprio: «Sono in ballo altri titoli da conquistare contro squadre che non aspettano altro di vedere la Juventus cadere. Tutti vogliono batterci. E’ anche una questione di amore proprio».