Baldissoni ammette: «Miglior sorteggio possibile. Di Francesco? Tutti dipendono dai risultati»

Baldissoni ammette: «Miglior sorteggio possibile. Di Francesco? Tutti dipendono dai risultati»
© foto www.imagephotoagency.it

La Roma affronterà il Porto in Champions League. Mauro Baldissoni ha commentato il sorteggio e non solo

La Roma sfiderà il Porto dell’ex Lazio Conceiçao. Mauro Baldissoni, dirigente della Roma, ha parlato a Sky Sport dopo il sorteggio: «La Roma deve essere la Roma per affrontare qualsiasi avversario. Ciascuno di noi avrebbe scelto la Roma ma è sciocco preoccuparsi del Porto oggi, pensiamo all’Entella, con tutto il rispetto, che ha il record di punti fra tutte le squadre che hanno finito il girone, e ci ha eliminato due anni fa ma poteva andar peggio. Per affrontare questa sfida dobbiamo tornare a fare la Roma. La squadra ha delle potenzialità che non sono state espresse con continuità, ma anche negli ultimi anni è stato così, anche lo scorso anno abbiamo avuto dei momenti di buio. E’ una caratteristica che non riusciamo a correggere e che dobbiamo correggere al più presto. Quest’anno è più difficile, abbiamo avuto tanti infortuni e contiamo di recuperare tutti per febbraio ed è importante riuscire ad essere la miglior Roma possibile».

Prosegue Baldissoni parlando anche di calciomercato: «Di Francesco via per Paulo Sousa? A voi piace puntare il dito contro le persone ma non è giusto puntare il dito contro una sola persona, questo lavoro si fa in tanti. L’importante è cercare di lavorare per trovare soluzioni. I risultati sono determinanti per l’allenatore, le valutazioni si fanno quotidianamente. L’allenatore arriva da una semifinale di Champions e da un terzo posto e ha dimostrato di poter allenare la Roma. Nelle ultime settimane hanno giocato sempre gli stessi, tanti giovani. Quindi prima vediamo di risolvere le tematiche di contorno, poi pensiamo ad altro. Herrera del Porto? Bisogna chiedere alla parte sportiva. Noi dobbiamo sfruttare al meglio le potenzialità già presenti in squadra, poi valuteremo se compensare con nuovi arrivi».