Connettiti con noi

Bologna News

Bologna, due rinforzi per continuare a sognare l’Europa

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Idee chiare in vista del mercato di gennaio per il Bologna: caccia all’esterno destro e anche al vice-Arnautovic

Il Bologna ha sbancato il Mapei Stadium, battendo il Sassuolo per 3-0 e tornando nella zona sinistra della classifica, portandosi a +3 sui neroverdi che negli ultimi anni sono sempre arrivati davanti. La formazione di Sinisa Mihajlovic guarda con maggiore ottimismo al 2022 e ora si proietta sul calciomercato. Il Bologna ha le idee chiare. Il cambio modulo adottato dal tecnico dei felsinei impone delle scelte importanti a gennaio. La squadra era pensata per il 4-2-3-1 ma ora il Bologna gioca con la difesa a 3 e con i 4 (o 5, dipende dalle sfide) a centrocampo. Ci sono Skov Olsen e Orsolini che sono due esterni offensivi e fanno più fatica a coprire tutta la fascia: per questo motivo almeno uno dei due (l’italiano è il maggiore indiziato) potrebbe andare via a gennaio, cercando fortuna altrove. Il Bologna infatti è alla ricerca di un esterno destro a tutta fascia e potrebbe finanziare l’acquisto con la cessione di Orso.

Il vice-Arnautovic è una necessità

La caccia dei rossoblù però non si ferma all’esterno. L’altra idea è quella di andare ad acquistare un nuovo attaccante, un giocatore fisico che possa far rifiatare Marko Arnautovic, titolare indiscusso, durante alcune gare. Il Bologna in questo momento ha il Ropero Santander come riserva dell’austriaco. Il paraguaiano però è stato fermo diversi mesi per infortunio e non ha convinto, nonostante il ritorno al gol mercoledì scorso proprio contro il Sassuolo. L’idea del Bologna dunque è quella di andare a cercare sul mercato due elementi per puntellare la rosa, trattenendo i big, ad eccezione di Riccardo Orsolini che potrebbe andare via per giocare con continuità altrove. Dunque: via Orsolini, dentro un esterno destro a tutta fascia e anche una punta fisica che possa far rifiatare Arnautovic. Le idee sono chiare. Ora i fatti.