Juve e Roma: la simulazione di sorteggio degli ottavi di Champions dice male

Juve e Roma: la simulazione di sorteggio degli ottavi di Champions dice male
© foto www.imagephotoagency.it

Juventus e Roma agli ottavi di Champions League: quali avversarie beccheranno le italiane al sorteggio? Abbiamo provare a simulare ciò che potrebbe succedere e… non è andata benissimo

Lunedì prossimo l’urna di Nyon dirà quale avversaria si troveranno di fronte Juventus e Roma agli ottavi di Champions League 2017/2018. Comunque vada, non sarà proprio un successo visti i nomi in ballo, ma le due italiane del resto, se davvero vogliono arrivare il più avanti possibile, dovranno in ogni caso sfangarla contro qualsiasi avversaria. Certo, meglio un’avversaria meno temibile dei soliti noti in fin dei conti ed è proprio questo il bello del sorteggio: sin quando il bussolotto fatidico non viene estratto, c’è sempre modo e tempo di pronosticare un’avversaria piuttosto che un’altra. Ci abbiamo provato anche noi, simulando in maniera quasi scientifica ciò che potrebbe succedere lunedì in Svizzera, quando verrà segnato il destino delle due italiane. Un destino promettente per la Roma, che arriverà al sorteggio da testa di serie (prima del suo raggruppamento), un po’ più temibile per la Juventus (seconda nel proprio girone), che però del resto non parte sfavorita a prescindere, considerato il titolo di vice-campione d’Europa in carica con cui arriva a Nyon.

Leggi anche: CHAMPIONS: LE POSSIBILI AVVERSARIE DI JUVE E ROMA

Sorteggio Champions League: urne e calcolo delle probabilità

Da una parte dunque mettiamo le teste di serie: Roma appunto, poi Manchester United, Paris Saint-Germain, Barcellona, Liverpool, Manchester City, Besiktas e Tottenham. Dall’altra invece tutte le altre: Juventus, Basilea, Bayern Monaco, Chelsea, Siviglia, Shakhtar Donetsk, Porto e Real Madrid. Ancora per questo turno i regolamenti di Champions vietano scontri diretti tra club della stessa nazione: Juve e Roma dunque, anche se in urne differenti, non potranno di sicuro sfidarsi, così come per esempio Manchester United e Chelsea o Barcellona e Real Madrid. Ovviamente sono vietate pure le sfide tra squadre provenienti dallo stesso girone. A parte questi due unici veti però la formula del sorteggio è sempre stessa: le otto teste di serie incrociano le altre otto (che giocheranno la prima in casa e il ritorno fuori) ed è tutto in mano al fato.

O quasi, considerando che pure nei sorteggi di Champions esiste una scienza, ovvero una legge delle probabilità. Le statistiche, per esempio, dicono che la Roma abbia altissime possibilità di sfidare una spagnola (è accaduto qualche volta di recente in Europa) tra Siviglia e Real Madrid, oppure una tra Shakhtar e Basilea (ed andrebbe già molto meglio). Sempre il calcolo delle probabilità, invece, dice che la Juventus affronterà quasi certamente un’inglese tra Liverpool, Manchester City, Manchester United e Tottenham. Sarà vero? Dobbiamo fidarci? Per scoprirlo, evidentemente, non ci resta che simulare il sorteggio.

statistiche probabilità champions league ottavi 2017/2018 juventus roma
Twitter

Sorteggio Champions League: la simulazione

Per farlo, non ci affideremo chiaramente alla mano umana e ai bussolotti, ma a qualcosa di molto simile: un programma di simulazione, di quelli che si trovano facilmente in rete. Il più affidabile di questi è sicuramente draw.inker.fun: se volete divertirvi senza troppe pretese, ve lo consigliamo, perché è studiato appositamente per questo tipo di “esperimenti”. Tutto pronto dunque per il sorteggio, le urne sono già calde:

urne champions
draw.inker.fun

Si parte con l’estrazione della prima delle runner-up (le seconde classificate): spunta il Basilea, che affronterà il Liverpool uscito imbattuto da un gruppo relativamente semplice con Siviglia, Spartak Mosca e Maribor. Alla squadra di Jurgen Klopp non va male pure stavolta. La seconda runner-up ad essere estratta è un’altra inglese: il Chelsea secondo nel girone della Roma, che non può affrontare nessuna inglese e nemmeno i giallorossi. Le restano dunque poche possibilità: PSG, Besiktas o Barcellona… e la mano virtuale non perdona, accoppiando la squadra di Antonio Conte ai temibili francesi di Neymar, guarda caso gli stessi che, stando ai rumors, lo stesso Conte potrebbe allenare la prossima stagione. Terza estratta dall’urna numero due è lo Shakhtar Donetsk che ha fatto fuori il Napoli, al quale tocca il Tottenham: una sfida dal sapore decisamente hipster tra “Zorro” Paulo Fonseca e l’altro tecnico emergente Mauricio Pochettino, che nel girone si è messo alle spalle addirittura i campioni d’Europa in carica del Real. Tocca poi alla Juve a cui, come da pronostico (le statistiche non sbagliano quasi mai) non va molto bene: l’urna designa il Manchester City di Pep Guardiola come avversaria. I Citizens, pure loro usciti fuori dal girone del Napoli, erano forse l’avversaria peggiore per la squadra di Massimiliano Allegri.

Quarta estratta della seconda urna è il Porto a cui tocca in sorte il Barcellona: tutto sommato non va malissimo a Leo Messi e compagni. L’urna estrae poi il Real Madrid e, pure in questo caso, dice malissimo all’Italia: è la Roma l’avversaria che dovranno affrontare (secondo simulazione) i campioni d’Europa di Zinedine Zidane e del fresco cinque volte Pallone d’Oro Cristiano Ronaldo. Per la formazione di Eusebio Di Francesco una sfida sulla carta proibitiva però, non ci crederete, anche in questo caso le statistiche erano state chiarissime: i giallorossi avevano altissime probabilità di beccare una spagnola agli ottavi. Ultime sfide designate dall’urna virtuale sono quindi Bayern Monaco-Manchester United (partita di altissimo rango, re-match della storica finale di Champions 1999 vinta dai Red Devils all’ultimo secondo dopo una rimonta iniziata in pieno recupero) e la quasi inedita Siviglia-Besiktas (non si ricordano precedenti in Champions tra le due formazioni, ma una sfida in Europa League nel lontano 2005 vinta per 3 a 0 dagli spagnoli).

ottavi champions league simulazione
draw.inker.fun

Il quadro finale degli ottavi (simulati) di Champions League 2017/2018 non è molto allettante per Juventus e Roma: per fortuna si può sempre cliccare su “restart” e ricominciare da capo se non ci piace… Almeno fino a lunedì!