Commisso: «Siamo più forti. Castrovilli resta alla Fiorentina»

Chiesa Fiorentina Commisso
© foto www.imagephotoagency.it

Rocco Commisso ha parlato al termine del match vinto contro il Torino: le dichiarazioni del presidente della Fiorentina

Rocco Commisso, presidente della Fiorentina, ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine del match vinto contro il Torino.

PRIME SETTE – «Ho detto che la Fiorentina è più forte dell’anno passato, non mettetemi certe parole in bocca. Se facciamo meglio dell’anno scorso, sarà una buona stagione per noi. L’anno passato la prima partita che ho visto vincere al Franchi in Serie A è stata a gennaio, oggi invece abbiamo vinto, siamo primi perché nessuno ha giocato ed è anche la millesima vittoria al Franchi».

SINGOLI – «Ho detto che non abbiamo bisogno di un centravanti, oggi ci mancavano anche Pezzella e Amrabat. Bravo anche Sirigu, ha fatto una bellissima partita. Dei nostri mi è piaciuto Biraghi, Duncan e Milenkovic. La forza di questa squadra è la difesa e, con i nuovi arrivi, anche il centrocampo».

PRESTAZIONE – «Siamo stati fortunati. Ci hanno tolto un paio di palloni che erano già fatti. Iachini ha la mia fiducia, quando uno fa bene è giusto che gli venga riconosciuto. Ha fatto un grandissimo lavoro e quest’anno deve fare meglio».

CHIESA – «No, non rispondo. Fate sempre gli stessi discorsi, lasciateci lavorare. La nostra squadra è formata, se avremo occasioni prenderemo qualcun altro ma sono contento e vediamo cosa succede nelle prossime due settimane».

SOLDI – «Questa squadra è stata formata a gennaio perché, dico la verità, mi era presa una grande paura dopo Montella. Pensavamo di retrocedere. Ora abbiamo dei nuovi che mi sono piaciuti, anche Borja Valero è entrato bene».

CASTROVILLI – «Gli ho detto di non fare scherzi, gli ho detto Gaetà resta con noi. Se c’era possibilità? Una volta forse, si leggono cose che non esistono, Gaetà sta con noi. Gli ho detto che doveva fare un gol, oggi l’ha fatto».