Viene confermata la condanna a Blatter e Platini – 21 dicembre 2015 – VIDEO

Il 21 dicembre 2015 i presidenti FIFA e UEFA, Blatter e Platini, vengono condannati a 8 anni in seguito al famoso  scandalo corruzione

Il 27 maggio 2015 una maxi inchiesta internazionale sconvolge la FIFA con l’arresto di 7 massimi dirigenti. Gli arresti vengono eseguiti a Zurigo dalla polizia elvetica su richiesta dell’FBI. L’indagine, coordinata direttamente dal Dipartimento di Giustizia USA, riguarda la fitta rete di corruzioni che si sarebbe formata nel panorama calcistico internazionale. Le cifre di cui si parla superano il valore di 100 milioni di dollari e sono relative, tra le altre cose, ad accordi di marketing e diritti TV.

L’inchiesta fa riferimento in particolar modo all’assegnazione dei Mondiali in Russia e Qatar, ma lo scandalo corruzione riguarderebbe anche altri maxi eventi del recente passato. I riferimenti vanno dai Mondiali in Sudafrica 2010 e al centenario della Copa America del 2016. Una bomba destinata a scuotere il mondo intero, provocando anche la reazione in prima persona del Presidente Putin contro gli Stati Uniti.

L’indagine e la condanna

Lo scandalo ha anche direttamente coinvolto i due presidenti della FIFA e dell’UEFA, rispettivamente Sepp Blatter e Michel Platini, che hanno naturalmente dichiarato la loro estraneità ai fatti. Due giorni dopo l’avvio dell’inchiesta, Blatter viene rieletto presidente, per poi dimettersi il 2 giugno seguente dopo quasi 17 anni di mandato.

Blatter e Platini, posti sotto indagine, vengono sospesi per 90 giorni dal Comitato Etico in data 8 ottobre. Circa due settimane più tardi, arrivano le prove che confermano le indagini: Blatter è accusato di gestione fraudolenta e appropriazione indebita, mentre Platini avrebbe percepito 2 milioni di franchi svizzeri nel 2011 come compenso dalla FIFA – e dunque da Blatter stesso – per lavori svolti tra il 1999 e il 2002.

Due mesi dopo, il 21 dicembre 2015, il Comitato Etico della FIFA giudica Blatter e Platini colpevoli di corruzione e li condanna a 8 anni di squalifica, a seguito della quale l’ex calciatore francese non ha potuto candidarsi alle elezioni presidenziali FIFA del 26 febbraio 2016. Tale condanna sarà in seguito ridotta a 6 anni. Platini sarà scagionato da ogni accusa il 25 maggio 2018, in quanto non verranno ravvisati reati nel suo operato.


Il contenuto video fa parte della serie web Almanacco del Calcio, prodotto da Sport Review srl.