Douglas Costa-United: 60 milioni di ragioni per dire di no, a meno che…

Douglas Costa-United: 60 milioni di ragioni per dire di no, a meno che…
© foto www.imagephotoagency.it

Il Manchester United sulle tracce di Douglas Costa per gennaio: il brasiliano potrebbe aprire alla Premier, ma la Juve difficilmente lo lascerà andare via, a meno di uno scambio…

Le voci dall’Inghilterra hanno cominciato a prendere vigore soprattutto nell’ultima settimana: secondo i media britannici il Manchester United, già un po’ prima dell’esonero di José Mourinho, si sarebbe messo sulle tracce di Douglas Costa. Per l’esterno della Juventus, legati ai bianconeri sino al 2022, sarebbe pronta in vista di gennaio un’offerta da oltre 60 milioni di euro, cifra però al momento non ritenuta congrua da Fabio Paratici. Nello specifico, l’intenzione del direttore sportivo juventino sarebbe quella di tenersi stretto il brasiliano ex Bayern Monaco almeno fino alla fine di questa stagione: Costa, ritenuto elemento imprescindibile per l’attacco, specie a partita in corso, da subentrato, non dovrebbe così partire nell’immediato, anche se in estatae la sua situazione sarà di nuovo da valutare…

Sì, perché con l’arrivo di Cristiano Ronaldo gli spazi per lui si sono inevitabilmente ristretti: nella prima metà di stagione ha giocato da titolare soltanto quattro partite su sedici disputate (nelle altre dodici è sempre subentrato). Poi c’è la macchia della squalifica rimediata contro il Sassuolo per lo sputo a Federico Di Francesco, che probabilmente ha in qualche modo messo in discussione la sua posizione all’interno dello spogliatoio bianconero anche per la società, oltre che per Massimiliano Allegri. Costa avrebbe aperto così le porta ad un eventuale addio: la possibilità di approdare in Premier League lo intrigherebbe non poco, anche se per adesso la Juventus non intendere genere alle lusinghe di gennaio del Manchester United. A meno che, sul piatto, i Red Devils non mettano il nome che più di tutti potrebbe interessa ai bianconeri: Paul Pogba. Difficile succeda adesso.