Roma, per Calafiori infortunio gravissimo: ginocchio disintegrato e carriera a rischio

Roma, per Calafiori infortunio gravissimo: ginocchio disintegrato e carriera a rischio
© foto Instagram - @richycala

Roma Primavera: infortunio pesantissimo per il giovane terzino Riccardo Calafiori nel corso del match di Youth League. Il ragazzo rischia di finire la carriera

Dopo la vittoria per 4 a 0 contro il Viktoria Plzen in Champions League il clima in casa Roma non è propriamente dei più festosi: le ultime notizie provenienti da Villa Stuart rischiano infatti di lasciare sgomenti l’ambiente giallorosso. Proprio nella clinica romana, da più di ventiquattro ore, è ricoverato infatti il giovanissimo terzino della Primavera Riccardo Calafiori, classe 2002, uno degli elementi più promettenti del settore giovanile giallorosso. Il ragazzo ha subito un bruttissimo infortunio nel corso della gara di Youth League (la Champions League dedicata alla Primavera): durante un contrasto di gioco con uno degli attaccanti della formazione ceca, Antonin Svoboda, Calafiori è caduto a terra con il ginocchio letteralmente a pezzi.

Sin da subito le sue condizioni sono sembrate gravissime ed infatti, nelle ultime ore, le diagnosi dei medici hanno lasciato tutti di sasso: il terzino ha riportato la rottura di tutti i legamenti, di tutti i menischi e della capsula. Tradotto in altri termini: il suo ginocchio è stato praticamente disintegrato, come confermato da più parti. «Una cosa del genere di solito si vede nel motocross, non nel calcio: un incidenti così succede una volta ogni dieci anni forse», il commento raggelante di uno dei medici che lo hanno in cura. Per Calafiori carriera ovviamente a rischio: il suo agente Mino Raiola lavora per portarlo in Olanda, in una clinica specializzata per infortuni gravi, ma ciò che è certo è che il ragazzo dovrà subire nel corso del prossimo anno almeno due o tre operazioni importantissime. Poco prima della partita gol Viktoria Plzen Edin Dzeko aveva omaggiato il giovane terzino mostrandone la maglia al pubblico.