Connettiti con noi

Hanno Detto

Inter Verona, Samuel: «Conte ha trovato la chiave, Juric gioca un calcio totale»

Pubblicato

su

Samuel

Walter Samuel ha parlato della partita di domani tra Inter e Verona

Walter Samuel, storico ex difensore dell’Inter e ora collaboratore di Scaloni nella Nazionale argentina, ha rilasciato un’intervista ai canali ufficiali dell’Hellas Verona in vista proprio della partita contro i nerazzurri di domenica pomeriggio.

INTER – «È una squadra compatta e concreta, molto equilibrata e che annovera tante individualità di primissimo livello. Conte ha trovato la chiave per far esprimere al meglio i talenti che ha nella sua ‘rosa’»

JURIC – «Il mister è riuscito a trasmettere alla squadra un’idea di gioco chiara e coraggiosa. Ho avuto modo di parlare anche con Ivan durante il Corso Uefa Pro. Mi piace molto come prepara le partite perché prova sempre ad imporsi sull’avversario, qualunque esso sia, senza timori reverenziali e con una chiara predisposizione ad un calcio offensivo e non speculativo. Si può definire un calcio ‘totale’, quello di Juric. Entusiasmante. Apprezzo molto la sua filosofia di gioco: trovo delle similitudini con quella di molti allenatori con cui ho avuto il piacere di lavorare e, anche per questo, ho chiesto di poter assistere ad un suo allenamento a Peschiera. E’ stato un momento di grande crescita per me».

JURIC ALL’INTER – «Siamo stati poco insieme all’Inter perché venivo da un infortunio. Ho avuto modo di parlarci successivamente, per chiedergli di qualche giocatore e vedere qualche allenamento. Lo sto conoscendo più adesso che prima».

FARAONI E BESSA – «Faraoni ha esordito quando c’era Ranieri all’Inter, Bessa ormai è italiano anche se è nato in Brasile. Spero che abbiano dei bei ricordi dell’esperienza all’Inter».

ARGENTINA – «Mi trovo bene. È un modo per crescere e poi conosco molto bene sia Scaloni, Aimar e Ayala».

AMIONE – «Lo conosco già da quando giocava al Belgrano di Cordoba. Aimar me ne parlava bene e poi l’ho visto giocare il Sudamericano e il Mondiale Sub17. È un bravo giocatore, un giovane e sicuramente avrà bisogno di tempo. Spetterà a Juric, ma giocare in Italia lo farà crescere. Spero di vederlo in futuro in Prima Squadra».

Advertisement