Connettiti con noi

Milan News

Investcorp Milan, pesante accusa delle ONG sulla trattativa

Pubblicato

su

Grave accusa delle ONG sulla trattativa tra Elliott ed Investcorp per il passaggio di proprietà del Milan: si tratta di Sportwashing

Le Organizzazione Non Governative lanciano una grave accusa sulla trattativa tra Elliott ed Investcorp per la cessione del Milan. Queste le dichiarazioni riportate da Calcio&Finanza:

«Gli italiani amano il calcio. Ma perché ci siamo tanto affezionati? Perché, come individui e come comunità, ci rivediamo nei valori delle competizioni calcistiche. Il calcio è unione, fratellanza, legame, sana competizione, tradizioni, storia, racconti di famiglia. E allora perché dobbiamo rovinare un tale attaccamento così profondo e toccante con una delle più immorali e disoneste prassi di questo secolo: lo sportwashingUn chiaro esempio di questo tipo di operazione è la vittoria del Qatar come Paese ospitante dei Mondiali di calcio. Il governo del Qatar è già stato al centro dell’attenzione per diverse accuse, come lo sfruttamento e la morte sospetta di lavoratori immigrati durante la costruzione dei siti adibiti a tale eventoMeno attenti sono stati i rossoneri, ora pronti ad essere venduti per 1,1 mld di euro ad un’azienda un pò ambigua, la Investcorp, un fondo di investimenti da miliardi di dollari stabilitosi a Manama ma con clienti da tutto il mondo, e soprattutto, da tutti i settori, sia privati che pubblici. Ed è proprio qui che i dilemmi etici avanzano. Quali sono i suoi clienti pubblici? Quanti fondi vengono ceduti al governo locale e alla famiglia reale? Da anni il Bahrain sta tentando, con anche un certo successo, di migliorare la sua reputazione di regime illiberale e dittatoriale che silenzia, tramite ogni mezzo, qualsiasi tipo di dissidenza religiosa, politica e culturale, lasciando marcire nel fondo della società la maggioranza della sua popolazioneAl di fuori però il Bahrain si mostra all’avanguardia, occidentalizzato, sportivo e sanamente competitivo. Uno dei più influenti dirigenti calcistici della regione viene proprio dalla famiglia reale bahreinita. Il suo nome è Salam Bin Ibrahim Al Khalifa, e secondo La Repubblica, è tra i soggetti più coinvolti in questa trattativa. Presidente dell’Asian Football Confederation, vice presidente della commissione disciplinare della FIFA, e quasi presidente della stessa nel 2016, se non avesse perso all’ultimo ballottaggio, Salam fa parte di una famiglia da 5 miliardi di dollari che da una parte pavoneggia un amore per lo sport smisurato, ospitando anche una delle gare di Formula 1 più ambite, e dall’altra massacra i propri concittadini torturandoli, imprigionandoli e togliendo loro ogni diritto solamente per essere nati nella setta sbagliata dell’Islam (Shiita), o per avere espresso del pacifico disaccordo con le feroci leggi che annualmente vanno a ridurre drasticamente le libertà dei cittadiniL’Investcorp non è da meno. Costantemente pronta a supportare la famiglia reale in ogni sua ambigua iniziativa, il fondo bahreinita ha già dimostrato grandi introiti con la famiglia reale. Dallo scorso anno Investcorp è diventato il nuovo sponsor per la borsa di studio internazionale del principe bahreinita. The Bahrain Crown Prince International Scholarship Program (CPISP) ambisce a sostenere gli studi all’estero dei più illustri studenti del Paese, per un totale di 1 milione di dinari bahreiniti, per i prossimi dieci anni. Secondo l’ufficio stampa del fondo, “Investcorp si impegna ad arricchire le vite delle generazioni future” credendo fortemente che “l’educazione sta al cuore” di tale progetto. Peccato dunque che ci si dimentichi dei migliaia di bambini, sfortunati abbastanza da essere nati sciiti, o senza nemmeno una cittadinanza e dimenticati dallo stato, costretti a vivere tra la feccia della società, come ladri di strada o peggio, come schiavi sessuali. E se scendiamo ancora più in fondo a questa vicenda, troviamo un altro mega fondo mediorientale, Mubadala, il quale coinvolge svariati sceicchi del Golfo tra cui, ovviamente, la famiglia Al Khalifa».

Anche il portavoce di Amnesty International Italia, Riccardo Noury, ha spiegato: «Col Milan in mano a un fondo bahreinita, col Paris Saint-Germain di proprietà qatarina, il Manchester City in mani emiratine e il Newcastle recentemente acquisito da un fondo dell’Arabia Saudita, gli stati del Golfo sono dunque ben inseriti nel mondo globale dello sport, senza trascurare sponsorizzazioni e intitolazioni di stadi».